Maturità 2020 in presenza, manca solo l’ufficialità

L’esame di maturità 2020 potrebbe svolgersi in presenza date le condizioni favorevoli possibili, sia presenti che future. Manca solo l’ufficialità.

A causa del Coronavirus l’esame di maturità di quest’anno è stato completamente stravolto, rischiando addirittura di essere cancellato. La ministra Azzolina, però, subito è corsa ai ripari realizzando un piano specifico e ben strutturato che teneva conto di due possibili ipotesi e scenari che si sarebbero potuti verificare in base alla data spartiacque del 18 maggio 2020. La Azzolina ha poi deciso di rimandare la riapertura delle scuole direttamente a settembre e di trasformare l’esame di maturità in un’unica prova orale, ma allo stesso tempo molto corposa. Speranza della stessa ministra è quella di poterlo svolgere in presenza, riaprendo le scuole esclusivamente per tale motivo.

Esame di maturità 2020 in presenza, manca solo l’ufficialità

L’esame di maturtià è ormai vicino e, dopo l’ufficialità della data di inizio, si sta facendo di tutto per poter permettere ai maturandi di svolgerlo in presenza.

Questo significherebbe aprire la scuola, prima del previsto, esclusivamente per tale motivo, realizzando il principale desiderio della stessa ministra Azzolina.

Giungono nuove notizie che possono far ben sperare nella realizzazione di quello che è non solo il desiderio della ministra, ma anche dei maturandi.

A farsi portavoce di tali buone notizie è il sottosegretrio del MIUR Giuseppe De Cristofaro il quale dichiara come l’interno ministero stia facendo di tutto per poter arrivare a tale felice conclusione.

E sembra, a fatti concreti, che ci siano tutte le premesse affinché questo avvenga.

Infatti, secondo attenti studi medico-scientifici, per la data del 17 giugno 2020 tutte le regioni si potrebbero ritrovare nella condizione di zero contagi, visto l’andamento positivo di questo periodo.

Per tale data, infatti, ci si potrebbe ritrovare nella condizione di seminormalità la quale grazie alle attenzioni dovute, potrebbe soltanto progredire ulteriormente.

Infine, altro fatto concreto che porterebbe allo svolgimento in presenza di tale prova, è il numero ristretto di candidati in ogni scuola che dovranno essere esaminati.

In tal modo si potrebbero rispettare le regole di sicurezza senza particolari problemi che potrebbero, invece, riscontrarsi durante una normale giornata di scuola.

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.