Maxi ponte 25 aprile 1 maggio: attenzione sciopero scuola 2 e 3 maggio

Un extra week end dal 23 aprile al 3 maggio, ecco le regioni che hanno aderito alla chiusura prolungata della scuola.

Prima si parte per il bel ponte poi arriva l’inatteso sciopero e le maxi vacanze son belle e servite. Una bella previsione per gli studenti la chiusura delle scuole dal 23 aprile al 2 -3 maggio.  Le regioni interessate al maxi ponte, sono:

“Piemonte, Friuli-Venezia Giulia, Trentino-Alto Adige, Liguria, Umbria, Marche, Abruzzo, Lazio,  Basilicata, Calabria, Puglia, Molise, Campania, Lombardia”.

Al momento, l’ufficialità del ponte del 25 aprile è arrivata dalla Liguria che ha pubblicato come date di chiusura certe come “extra” il 23 e 24. Toccherà a ogni singolo Istituto, stabilire quanti giorni elargire agli studenti come benefit vacanze per restare a casa.  

Il ponte e la maxi felicità  

I ragazzi molto probabilmente resteranno a casa un po’ più del tempo previsto, grazie allo sciopero indetto dai docenti precari. Parliamo di circa 11 giorni che andrebbero dal 21 aprile al 1 maggio. Resta da considerare, che il calendario delle vacanze si muove da regione a regione, ciò significa che c’è chi riceverà un taglio sul bonus prendendo le ferie dal 21 al 25 aprile. Ritornando a scuola il 26, e chi riceverà un ultra bonus rientrando il 1 maggio. Il tutto resta sempre al vaglio degli Istituti.

Circa dieci giorni di vacanze tra sciopero e ponte, e chi deve recuperare?

A spalleggiare il ponte c’è lo sciopero degli insegnanti previsto tra il 2 e 3 maggio. L’Anief, sindacato precari, ha predisposto lo sciopero proprio nelle date a cavallo del ponte precisamente tra il due e il tre maggio.

Perché l’associazione dei sindacati ha proclamato lo sciopero? Ovviamente non per far felici gli studenti, ma il dibattito acceso si riferisce ai diplomati magistrali che sono stati esclusi dalle graduatorie a esaurimento (GaE).

Se arricchiamo il paniere dei giorni di “vacanza” con le gite scolastiche, i ragazzi esploderanno di felicità vedendo rimpicciolire drasticamente i giorni di scuola. Un neo per gli studenti che hanno delle lacune e devono recuperare delle materie, potrebbero rischiare la “bocciatura”. Una vera felicità per chi ha studiato regolarmente tutto l’anno, salterà di allegria al solo pensiero di goder di giorni in più di relax.

Leggi anche:

I Sacchetti Per La Spesa Si Portano Da Casa. Era Forse Una Bufala? Cosa È Cambiato?


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein