Mercatone Uno dichiara fallimento: i dipendenti lo scoprono su Facebook, proteste in corso

Mercatone Uno fallisce e lascia per strada 1.800 lavoratori e 500 aziende che vantano crediti. I dipendenti lo hanno scoperto nella notte su Facebook.

Mercatone Uno: uno storico marchio imolese “mercatone Uno”, che accompagno i trionfi di Marco Pantani ha dichiarato fallimento. I dipendenti sconvolti sono venuti a conoscenza del fallimento su Facebook. La società Shernon Holding, che gestiva i punti vendita del Mercatone Uno è stata dichiarata fallita. La società, meno di un anno fa aveva acquisito i 55 punti vendita, e in meno di un anno è fallita senza dare nessun avvertimento ai 1.860 dipendenti.

Il segretario del sindacato Filcams di Reggio Emilia ha spiegato: “Non c’è stata nessuna comunicazione ufficiale da parte dell’azienda”.  

Presidi e sit-in dei lavoratori davanti ai negozi “Mercatone Uno”

Proteste dei lavoratori: davanti ai negozi chiusi sono in corso presidi, sono quasi diecimila le persone toccate. L’azienda vantava crediti di circa 250 milioni di euro con cinquecento aziende.

William Beozzo, direttore dell’Associazione Fornitori Mercatone Uno, ha dichiarato: “hanno sempre manifestato a tutti gli organi competenti le proprie perplessità sull’operazione con Shernon Holding. Sono stati persi altri otto mesi e ulteriori risorse finanziarie. Ricordiamo che in gioco non ci sono solo i 1.860 dipendenti del Gruppo, a cui mandiamo tutta la nostra solidarietà, ma anche tutti i dipendenti delle nostre aziende, un indotto che coinvolge in Italia quasi 10.000 persone”.

Angelina Tortora

Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”