MES: non esiste prestito senza condizionalità

L’emergenza coronavirus e Mes: non esiste prestito senza condizionalità imposte dal MES stesso, ecco perchè. 

Buongiorno a tutti, ho letto stamattina 10.4.2020 che alla fine Conte c’è l’ha fatta, un prestito di 36 mild. di euro. Alla grande per una economia che ha un PIL di 140 mild al mese, evidenziato nel mio articolo: Economia e Sace: liquidità alle imprese a caro prezzo a metà dello stesso articolo.

Considerazione sul MES

Ora vi ricordo un paio di cose sul MES.

Art. 3 del MES dice che non esiste prestito senza condizionalità imposte dal MES stesso (quindi possono cambiarle in ogni momento, in quanto è una struttura privata e non dipende dall’euro parlamento)

Art. 38. La dirigenza del MES, non è perseguibile penalmente.

Vi anche un articolo del regolamento EU, art. 7, comma 5, della direttiva n. 472/2013 sempre relativo al MES, che specifica che: quest’ultimo (rif. MES) può cambiare le condizionalità in qualsiasi momento, senza chiedere agli stati membri.

Ora facendo due calcoli, visto come l’EU ad oggi ha fatto di tutto per non essere quella unione di stati che dovrebbe essere, uguale a: “O bella ciao Italia“. Dalla pentola alla brace. Tanto paga pantalone (noi).

Concludo con la speranza che tutto vada bene. L’Italia è un grande paese. Perderla è un problema per tutti e non solo per gli italiani.

E. Fumagalli


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Edoardo Fumagalli

Nato in provincia di Bergamo, diplomato Perito agrario, ho intrapreso gli studi di architettura, poi trasferito in Croazia a metà degli anni novanta, dove ha studiato ragioneria. Ho fatto anche gli studi di economia e commercio, ma non ho conseguito la laurea, per via della impossibilità lavorativa (non abbiamo nessun tipo di scuole di sostegno). Fondatore e direttore di una società di supporto alle imprese estere per lo sviluppo di attività in Croazia, nel 1996, trasformato in società di ragioneria amministrativa, e fondatore di uno studio di consulenze fiscali, nata per la naturale trasformazione del sistema politico economico che si ha anche in Croazia. Iscritto nella camera dei commercialisti, ragionieri e consulenti fiscali, della Repubblica di Croazia al n. 92035833. Sono stato consulente e segretario nella Associazione di ortopedia italo-croata ICORA, organizzando meeting, congressi e creazione di una scuola internazionale di ortopedia, non chè consulente e segretario della associazione italo-croata ATT, per l'integrazione della Repubblica Croata in Europa e fondi europei, partecipando ai programmi, Central Europe, MED, Andrion, LIFE, interreg, IPA, quindi conferenze e meeting.