Microonde: usarlo per cucinare fa male? Vediamo cosa bisogna sapere

Ad oggi non c’è ancora nessuna fonte certa che l’uso del forno a microonde aumenta il rischio di cancro, vediamo cosa bisogna sapere per un uso corretto.

Ad oggi non c’è ancora nessuna fonte certa che l’uso del forno a microonde aumenta il rischio di cancro, e lo stesso vale per le voci in giro che dicono che il cibo riscaldato con il forno a microonde possa essere meno nutritivo di come si riscalda in altri modi. Il principio di scaldare gli alimenti è quello grazie all’azione di radiazioni a radiofrequenza, dotata di una bassa quantità di energia.

Microonde: vediamo quali sono le radiazioni che possono causare danni al nostro corpo

Le radiazioni invece che fanno male, sono quelle ad alta energia che hanno potere ionizzante, è per questo sono in grado di modificare la struttura subatomica della materia e di conseguenza indurre alterazioni del DNA che possono aumentare il rischio di cancro. Quindi, il cibo riscaldato nel microonde non è radioattivo perché non è sottoposto a radiazioni ionizzanti. Dal punto di vista nutrizionale la miglior cottura è tramite il forno a microonde, meno efficace è questo elettrodomestico nella cottura classica, in particolar modo per i cibi mal conservati, avendo un maggior rischio per la salute in quanto non riesce ad eliminare in modo sicuro batteri e tossine presenti nell’alimento.

Le conseguenze che può causare l’uso del forno a microonde

Usare il forno a microonde presenta comunque dei rischi, si possono contrarre infezioni o intossicazioni alimentari, le cause sono per via della temperatura raggiunta dal forno e dai tempi brevi di cottura che potrebbero non essere in grado di uccidere totalmente i batteri.

Si può dedurre che il cibo lasciato per pochi minuti nel forno a microonde, può essere causa di intossicazioni alimentari, con disturbi gastrointestinali e che a volte possono diventare anche gravi.

Da precisare che questo spesso accade quando gli alimenti vengono mantenuti per più giorni in frigo e l’alimento non è proprio fresco. Ricapitolando, per alimenti freschi va bene il forno a microonde, per alimenti meno freschi si consiglia di usare padelle o i forni normale, a gas o corrente che siano, siamo più cautelati nel caso ci fosse la presenza di batteri.

Fare bollire l’acqua: vediamo il modo più efficiente


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube