Migliaccio napoletano, un dolce al forno per il Carnevale

Il migliaccio napoletano è un tipico dolce di Carnevale partenopeo. E un dolce di origine medievale ed è fatto con ingredienti genuini e semplici.

Il migliaccio è il dolce tipico del Carnevale napoletano, insieme alle chiacchiere e al sanguinaccio. Originariamente, il migliaccio si preparava con pane di miglio e sangue di maiale. Il nome di questo dolce, infatti, deriva dal latino “miliaccium” che significa pane di miglio. Oggi i vecchi ingredienti sono stati sostituiti dal semolino, latte e burro. La prima ricetta risalirebbe al periodo medievale e, probabilmente, è stata inventata da qualche contadina. Oggi, il migliaccio si prepara per il martedì grasso e sulle tavole dei napoletani non può mancare.

Anch’io preparo questo dolce, soffice e profumato, utilizzando la ricetta che mi ha tramandato la mia mamma, è un dolce semplice da preparare, molto importante è la qualità degli ingredienti che in fondo sono semplici. Importante è il tegame, anticamente veniva cotto nei tegami di rame, oggi in quello di alluminio.

 

Ingredienti:

  • 250 gr di Semola
  • ½ lt di latte
  • ½ lt di acqua + 1 bicchiere
  • 100 gr di burro (o margarina)
  • 500 gr di ricotta di mucca
  • 6 uova
  • 500 gr di zucchero
  • 2 bustine di vanillina
  • 1 fiala di millefiori
  • ½ bicchiere di rhum scuro

 

Procedimento:

  1. ‘ Mettere a scaldare in una pentola l’acqua, il latte e il burro, all’ebollizione versare a pioggia la semola. Aiutandovi con una frusta a mano mescolate fino ad ottenere un composto compatto e cremoso.
  2. Spegnete il fuoco e lasciate intiepidire. Lavorate la ricotta con lo zucchero con la frusta (io uso quella elettrica).
  3. Unite la vanillina, la fiala di millefiori e il rum.
  4. Aggiungete le uova leggermente sbattute e mescolate. Il composto deve risultare omogeneo.
  5. Unite un cucchiaio di semolino alla volta e mescolate.
  6. Ungete di burro una teglia di 26 cm e versate il composto all’interno della teglia livellando la superficie con una spatola.
  7. Infornate in forno 200° per quasi 1 ora. Sfornate il migliaccio quando la superficie sarà ben colorita e lasciatelo freddare almeno un paio d’ore prima di tagliarlo dal forno, così si asciuga ed è più cremoso.
  8. Decorate con zucchero a velo.

 

 

Varianti:

  • Se preferite, potete arricchire il migliaccio con della frutta candita oppure uva passa..
  • Se preferite un gusto più deciso, potete sostituire la ricotta con la ricotta di pecora.

Leggi anche: Roccoco un dolce partenopeo

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.