Milleproroghe: novità Ex Ilva, Rc auto, monopattini, medici in corsia, specializzandi, bambini oncologici

La Camera dimostra ampia fiducia al governo sul decreto Milleproroghe, ora il provvedimento giunge in Senato per l’approvazione finale. Uno sguardo alle principali novità.

Entra nel rush finale il decreto Milleproroghe in un Senato super blindato, dopo l’approvazione della Camera che ha dimostrato ampia fiducia al governo che ha incassato 315 voti favorevoli, 221 voti contrari ed 1 voto astenuto. Uno sguardo rapido ai provvedimenti cardini del decreto.

Milleproroghe: proroga Ex Ilva, rc auto familiare con declassamento, monopattini solo 14enni

Ex Ilva: per i dipendenti dell’ex Ilva sono stati stanziati circa 19 milioni, risorse destinate alla copertura della proroga della cassa integrazione straordinaria.

Rc auto: previsto un declassamento di classe nella sottoscrizione delle polizze successive. Nella norma è previsto una postilla che porta alla dequalificazione della classe di merito, nel caso  si verifichi un incidente stradale. Se l’intestatario della polizza assicurativa familiare rc auto si trovi alla guida di un veicolo di modello differente, come ad esempio una moto, e provochi un incidente stradale con l’aggravante della colpa, dove produca danni per un valore che superi l’ammontare di 5mila euro, scatta la dequalificazione di classe.

Monopattini: la norma prevede che i monopattini siano portati solo da ragazzi 14enni, limitandone l’uso nello specifico sulle strade urbane. È previsto l’uso del caso obbligatorio, del giubbotto retroriflettenti e il limite di velocità a 50km/h.

Milleproroghe: medici in corsia, specializzandi, malati di mesotelioma, bambini oncologici 

Medici in corsia: nella normativa è previsto la possibilità per i medici di restare in servizio superata la fascia lavorativa dei quarant’anni, ma limitatamente all’età anagrafica che non deve superare i 70 anni.

Specializzandi: per i medici specializzandi è previsto un collocamento in corsia a partire dal 3° anno. Gli specializzandi potranno essere inquadrati attraverso la stipula di un contratto lavorativo a tempo determinato, oppure con contratto lavorativo part time.

Malati di mesotelioma: sono stati stanziati 4 milioni per i malati di mesotelioma. La norma è nata per sostenere le persone che hanno contratto la malattia in seguito all’esposizione all’amianto dei familiari. Si tratta di lavoratori, la cui manodopera è stata utilizzata nella lavorazione dell’amianto, oppure, nel caso di patologia riscontrata, documentata, nonché confermata all’esposizione all’amianto ambientale.

Bambini oncologici: nella misura è prevista una dotazione di 2 milioni di euro a copertura del fondo nazionale per l’assistenza dei bambini colpiti da patologie oncologiche. Un aiuto concreto a supporto delle associazioni che contribuiscono con il loro operato a fornire una base di rinforzo reale alle famiglie e i bambini.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein