Miso, cura il colesterolo alto e problemi di intestino

Benefici del miso per la prevenzione sul cancro, sull’ipertensione e grossi giovamenti sul colesterolo: ecco di cosa tratta.

Condimento di origine giapponese, il miso, è un concentrato di benefici, ottenuto dalla fermentazione dei fagioli della soia gialla, molto importanti per l’intestino. La sua assunzione, per la sua mancanza di grassi, risulta utile anche per tenere sotto controllo il colesterolo cattivo, LDL. E’ noto per il suo sapore intenso, a seconda del processo di preparazione , dopo la cottura dei fagioli di soia si può scegliere se aggiungere riso o orzo, il gusto può subire variazioni, caratterizzata da una eromia ambrata.

Benefici del miso per la prevenzione sul cancro e sull’ipertensione

Sono stati fatti vari studi giapponesi molto approfonditi sui benefici del miso, con cui è stato dimostrato la sua importanza sulla prevenzione sul cancro e sull’ipertensione.

Il miso è un alimento completissimo, contiene tutti gli amminoacidi essenziali, ed ha un buon contenuto di vitamine del gruppo B fondamentali per il metabolismo delle cellule. Ottima alternativa agli yogurt, alta la presenza di fermenti lattici vivi, si prende cura del benessere intestinale quando, per allergie o intolleranze, non è possibile assumere latticini. Ottimo il contenuto di acido linoleico, sostanza importante contro la lotta agli accumuli adiposi e colesterolo LDL.

Miso: fonte di vitamina A

Il miso permette di ottimizzare l’apporto di fibra alimentare favorendo il transito intestinale, fonte di vitamina A, tra i più potenti antiossidanti, viene usato molto come condimento a chi piace la cucina orientale, gode della presenza di calcio, magnesio e ferro. Per non comprometterne le proprietà, bisogna scioglierlo in poca acqua e aggiungerlo ai piatti una volta completata la loro cottura. Ottimo per insaporire zuppe e minestre. Attenzione a non farlo bollire, i fermenti lattici vivi sono particolarmente sensibili alle alte temperature.

In tutto questo che abbiamo detto adesso, c’è un rovescio della medaglia, c’è contenuto di sodio. Il miso si deve usare con moderazione se si vuole evitare ritenzione idrica. In caso di allergia alla soia e i suoi derivati, il miso va evitato totalmente.

Leggi anche: Vitamina Q i suoi benefici