Modello 730 non presentato nel 2019: cosa rischio?

Cosa si rischia se per un anno non si presenta la dichiarazione dei redditi con il modello 730? Come si può rimediare alla dimenticanza e all’omissione?

Tutti coloro che nel corso dell’anno hanno percepito dei redditi devono presentare il modello 730. Non si tratta di un qualcosa con cui recuperare le cifre a credito ma di un vero e proprio obbligo fiscale. Cosa accade, quindi, a chi non presenta la dichiarazione dei redditi per un anno? Cosa rischia? E quali possono essere le sanzioni cui i va incontro?

Modello 730 omesso: rischi

Un nostro lettore ci scrive:

Salve, volevo porre questa domanda alla quale non trovo risposte utili su internet.
Lo scorso anno (2019) non ho presentato il 730 e quest’anno dovrò fare quello del 2020. A quali sanzioni andrò in contro ? Se può servire alla risposta il 730 del 2019 così come quello del 2020 sono a credito e non a debito. Vi ringrazio in anticipo per la risposta.

Nel suo caso si parla di modello 730 omesso.L’omissione della presentazione del 730 si verifica quando un contribuente, obbligato alla presentazione, non la trasmette entro la data di scadenza (che per il 2019 era fissata al 23 luglio). L’omissione si presenta anche nel caso che il 730 venga presentato oltre i 90 giorni dalla scadenza.

Quali rischi corre e quali sanzioni potrebbero spettarle?

Per chi omette la presentazione di un modello 730 con imposte dovute è prevista una sanzione che va  dal 120% al 240% delle imposte dovute. Se, in caso  di imposte dovute, il contribuente, però, presenta la dichiarazione omessa entro la scadenza di quella dell’anno successivo la sanzione si riduce e può essere dal 60% al 120% delle imposte dovute.

Per chi, invece, omette la presentazione di un modello 730  con imposte non dovute le sanzioni sono minori e vanno da 250 a 1000 euro. Se, però, si presenta la dichiarazione omessa entro la scadenza di quella dell’anno successivo le sanzioni previste sono ridotte e vanno da 150 a 500 euro.

Nel suo caso, quindi, visto che afferma di essere stato a credito nel 2019, rientra nell’ipotesi delle imposte non dovute. Se presenta, quindi, la dichiarazione del 2019 entro il 30 settembre (scadenza di presentazione del 730 2020) le verrà elevata una sanzione da 150 a 500 euro (di solito, però, viene applicata la cifra meno alta). Se, invece attende i controlli fiscali dell’Agenzia delle Entrate, che potrebbero arrivare anche fra diversi anni, la sanzione da pagare sarebbe quella più alta  da 250 a 1000 euro.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.