Modello 730 precompilato: da quando disponibile e come avere rimborso prima

Ecco da quando sarà disponibile il modello 730 precompilato e come ottenere il rimborso entro il mese di luglio. Lo slittamento, infatti, se si è veloci non ritarda il rimborso.

E’ tempo di modello 730 precompilato e, anche se la data di presentazione ultima è slittata dal 23 luglio al 30 settembre (anticipando di un anno la cosa a causa dell’emergenza sanitaria da Coronavirus) molti sono impazienti di presentare la propria dichiarazione dei redditi per un motivo ben preciso. Scopriamo quale rispondendo al quesito di un nostro lettore.

Modello 730 da quando online?

Un nostro lettore ci chiede:

Da quale data è disponibile online il 730 precompilato, e da quando si potrà inviare? Si legge che presentando entro il 31 maggio si potrà ottenere prima il rimborso. Non si conosce la data minima per l’invio. Grazie. 

Il 730 precompilato sarà disponibile a partire dal 5 maggio 2020. Anche se fino allo scorso anno era possibile trovare online la propria dichiarazione precompilata a partire dal 15 aprile, lo slittamento al 30 aprile dell’Invio dei dati delle Certificazioni Uniche ha portato ad uno slittamento al 5 maggio anche della messa disposizione della dichiarazione online.

Dal 5 maggio, quindi, i contribuenti potranno consultare la propria dichiarazione con 730 precompilato.

Questo slittamento, però, non comporta un ritardo nel rimborso spettante dalla dichiarazione poichè l’Agenzia delle Entrate assicura che il rimborso sarà presente in busta paga con la retribuzione del mese successivo a quello di invio del 730 precompilato.

Per chi, quindi, invia il 730 precompilato entro il 31 maggio, come ogni anno il rimborso spetterà con la retribuzione del mese di giugno, ovvero nel mese di luglio (si ricorda che per i pensionati il rimborso avviene con un mese di ritardo e, quindi, se si presenta il 730 entro il 31 maggio il rimborso avviene entro il mese di agosto).

Di conseguenza, per tutti coloro che presenteranno la dichiarazione entro il 30 giugno il rimborso avverrà con la busta paga di luglio ad agosto (per pensionati a settembre) e per chi lo presenterà entro il 31 luglio con la retribuzione di agosto, a settembre (ottobre per i pensionati).

Per i ritardatari che presenteranno la dichiarazione solo entro il 30 settembre, poi, il rimborso arriverà con busta paga di ottobre a novembre (dicembre per i pensionati).


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.