Monete antiche: 50 lire del 1956, 2 lire del 1936, 1948 e 1957, 1 lira del 1955, scopriamo il valore

Vediamo il valore di alcune vecchie lire con annate comprese tra il 1936 ed il 1957.

Torniamo ad immergerci nel mondo della numismatica per scoprire il valore di alcune monete in lira di epoca compresa tra il 1936 e il 1957. Cogliamo l’occasione per ricordare ai nostri lettori che non ci interessa l’acquisto di monete ma che con il nostro servizio vogliamo solo fornire una consulenza per individuare, grossomodo, il valore di monete antiche o rare.

Quanto valgono le vecchie lire?

Un nostro lettore ci scrive:

 Lire 50 del 1956 [non di conio]  hanno valore…?

 Lire 2 del 1936 / del 1948 / del 1957

 Lire 1 del 1955

Le 50 lire Vulcano del 1956 valgono soltanto pochi spiccioli, soprattutto se non sono fior di conio. Per le 50 lire le annata con un valore importante possono essere il 1954, il 1955 e il 1958, 1959, 1960 e 1961.

Le 2 lire del 1936 dovrebbero essere quelle che hanno sul fronte la testa di Vittorio Emanuele III e sul retro l’aquila. Si tratta di una moneta molto bella  coniata dal 1936 al 1943 che però, a parte delle eccezioni, non ha un grandissimo valore. (L’annata che vale di più e che nel conio di prova arriva anche a 800 euro è il 1940). Per il resto si tratta di monete abbastanza comuni.

Le 2 lire de 1948 sono quelle che da un lato hanno l’aratore e dall’altro hanno una spiga (sono appunto chiamate le 2 lire Spiga). La moneta del 948 se fior di conio ha un valore di 50 euro, se in splendido stato di circa 15 euro. (per questa moneta l’annata che vale di più è il 1947 che fior di conio arriva a valere 1800 euro).

Le 2 lire del 1955 sono quelle chiamate Olivo che recano sul lato del valore, appunto, un ramo d’olivo. La moneta del 1955 ha un valore  massimo di 9 euro (l’annata che vale di più in questo caso è il 1953 con la moneta di prova che arriva a valere anche 1250 euro).

Tra il 1951 e il 1959 la moneta da una lira in circolazione era quella che dal dritto presentava una bilancia e dal rovescio una cornucopia. La moneta coniata nel 1955 è molto comune ed ha un valore massimo di 5 euro.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.