Monete vecchie lire: quanto possono valere

Quali sono le monete rare in Lire che valgono maggiormente? Vediamo la lista degli esemplari con valore sopra i 1000 euro.

Anche se la Lira è fuori conio da quasi un ventennio e precisamente dal 28 febbraio 2002 quando le nostre lire sono state sostituite ufficialmente dalla nuova moneta, l’Euro. Ma nonostante l’addio  moltissimi sono gli italiani che ancora pensano con nostalgia alla Lira, forse facendola coincidere con un periodo in cui l’Italia viveva un momento di relativo benessere. Proprio per questo motivo sono moltissimi gli Italiani che ancora conservano monete in vecchie lire che, oggi, potrebbero valere una fortuna.

Monete in lire che hanno un grosso valore

Tra le monete che conserviamo in casa, infatti, potrebbero essercene alcuni esemplari dal valore molto alto. Gli esemplari rari delle Lire, infatti sono diversi e il loro valore può variare dai 1000 ai 4mila euro. Cerchiamo di capire quali sono le monete che possono avere un buon valore.

Ricordiamoci, in ogni caso, di guardare sempre l’anno di conio, eventuali errori di conio e lo stato di conservazione che incide moltissimo sul possibile valore di una moneta. I valori che indicheremo in questo articolo, infatti, sono riferiti a monete in buono stato di conservazione che non presentino segni di usura, graffi o imperfezioni dovute alla circolazione.

Le monete più rare in assoluto sono le 10 lire dell’anno 1947, quelle che riportano riprodotto un ramoscello di ulivo da una parte e un cavallo alato dall’altra. Questa moneta, se in buono stato di conservazione ha valori che arrivano fino a 4mila euro.

Un’altra moneta dal valore molto interessante è quella da 5 lire del 1955, un esemplare molto raro poichè coniato, in quell’anno, per sole 400mila monete. I collezionisti arrivano a pagarle fino a 2mila euro.

Anche le 50 lire del 1958, coniate in soli 800mila esemplari, se i buono stato di conservazione possono valere fino a 2mila euro.

Le 2 lire del 18947 che portano incisa una spiga di grano e un contadino, raggiungono, se in buono stato, i 1800 euro.

La lira del 1947 vale poco meno: si tratta della moneta che ha inciso l’arancia matura e la donne con capo ornato di spighe dall’altro, che può valere fino a 1500 euro.

Le 5 lire del 1946 possono valere fino a 1200 euro. Si tratta della moneta con inciso un grappolo d’uva da un lato e dall’altro il profilo di una donna. L’esemplare che raggiunge i 1200 euro è quello realizzato in Italma, materiale usato al tempo dalla Zecca.

Ultima moneta con valore interessante sono le 100 lire del 1955, prodotte in pochi esemplari raggiungono i 1000 euro di valore se in buono stato di conservazione.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.