MotoGp Australia: Marquez, ancora lui

MotoGp nel segno ancora di Marquez

Al MotoGp Australia, Marquez sfrutta la caduta di Viñales all’ultimo giro per centrare l’ undicesimo successo stagionale. Sul podio salgono Crutchlow e Miller.

MotoGp Australia: Marquez la fa da padrone

Marc Marquez non si ferma più, è inarrestabile e centra la quinta vittoria consecutiva in una MotoGP dominata in lungo e in largo. A Phillip Island il pilota della Honda ha approfittato della caduta di Maverick Viñales nell’ultimo giro per conquistare in scioltezza l’ undicesima gara stagionale. Secondo si posiziona Cal Crutchlow, terzo Jack Miller davanti a un ottimo Pecco Bagnaia. In fila gli italiani, con Andrea Iannone sesto, che precede Andrea Dovizioso (settimo) e Valentino Rossi (ottavo).

MotoGp Australia: lo sviluppo della gara

Ha comandato la gara per un solo giro, Marc Marquez. Quello decisivo, l’ultimo. Se il feroce spagnolo ha imparato a usare la calcolatrice, allora gli scenari futuri per la concorrenza sono più scuri del cielo di Phillip Island, che promette burrasca ma risparmia i piloti dalla pioggia, al netto degli ultimi giri. La gara è stata preceduta da qualifiche dominate dalla Yamaha: Viñales in pole position con un super tempo davanti a Fabio Quartararo, Valentino Rossi quarto dietro a Marquez. Partito da ottima posizione anche Danilo Petrucci, ma la gara del ducatista termina dopo due curve in un volo pauroso che travolge e mette k.o. anche la moto di Quartararo.

Dopo dieci giri di lotta, Viñales e Marquez salutano la compagnia e fanno gara a sé, guadagnando un ampio margine su Cal Crutchlow, mentre il resto del gruppo gira su ritmi di un secondo più lenti rispetto alla coppia spagnola. Si arriva dunque all’ultimo giro: Marquez sorpassa in rettilineo Viñales, il pilota della Yamaha non ci sta e tenta di riprendersi la leadership, ma perde l’anteriore in curva nove e cade, dicendo addio anche al podio.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp