Dacia presenta il suo SUV low cost per l’Europa

-
03/03/2020

Dacia Spring è il nome del nuovo mini SUV elettrico con autonomia da 200 km che arriverà in Europa nel 2021

Dacia presenta il suo SUV low cost per l’Europa

Martedì 3 marzo, Dacia ha rivelato una nuova city car che è anche il suo primo veicolo elettrico. Chiamata Dacia Spring, la macchina è ancora presentata come un’auto dimostrativa (“showcar”) ma dovrebbe essere molto vicina a un futuro veicolo di produzione. Il veicolo di produzione corrisponderà effettivamente a una versione rigenerata della Renault K-Ze commercializzata in Cina. Questa vettura è prevista per il 2021 sul mercato europeo e assomiglierà molto alla Dacia Spring: avrà quattro posti con un’autonomia di 200 chilometri (WLTP). 

Dacia Spring è il nome del nuovo mini SUV elettrico con autonomia da 200 km che arriverà in Europa nel 2021

Secondo Dacia, l’auto è adatta all’uso quotidiano per la città o peri-urbanaLa compagnia rumena spera anche di integrare questa vettura nelle flotte di veicoli di car sharing. Presentato come una city car, il design del veicolo ha ancora un forte aspetto SUV con la sua altezza da terra rialzata. Con questo veicolo, Dacia vuole offrire “l’auto elettrica al 100% più economica in Europa”. Una sfida ardua. Il gruppo concorrente di Renault, PSA , ha appena presentato la Citroën Ami, una mini-auto elettrica a 6.900 euro ma con soli due posti.

Dacia rimane  misteriosa sul prezzo del suo primo modello elettrico. Secondo le informazioni provenienti dal quotidiano francese L’Argus,  il costo del nuovo modello elettrico dovrebbe partire da 14.000 o 15.000 euro. Tutti i marchi del gruppo Renault stanno diversificando il proprio catalogo per adattarsi ai nuovi standard europei contro l’inquinamento. Dal 2020, la casa automobilistica francese punta a raggiungere il 10% dei veicoli plug-in e ibridi elettrici nel suo mix.


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Ti potrebbe interessare: Renault e Dacia confermano ufficialmente novità importanti per Ginevra