Ferrari e Fiat aiuteranno a produrre ventilatori polmonari

-
20/03/2020

Ferrari e Fiat sono in trattativa per aumentare la produzione della più grande azienda di ventilatori polmonari nel paese

Ferrari e Fiat aiuteranno a produrre ventilatori polmonari

Ferrari e Fiat sono in trattativa per aumentare la produzione della più grande azienda di ventilatori polmonari nel paese, secondo quanto confermato dalla Reuters. Il dispositivo può salvare vite umane ed è molto richiesto nei reparti di terapia intensiva del paese ora che la pandemia di coronavirus continua ad aumentare. I giganti italiani dovrebbero assistere Siare Engineering, un produttore di ventilatori, insieme con Marelli, che realizza componenti per automobili. Questa unione comporterà la produzione di componenti e l’assemblaggio dei dispositivi.

Ferrari e Fiat sono in trattativa per aumentare la produzione della più grande azienda di ventilatori polmonari nel paese

Il governo italiano ha chiesto a Siare di aumentare la produzione mensile di questo macchinario da 160 a 500 dopo che la crisi del coronavirus ha lasciato il sistema sanitario del paese in condizioni critiche. Gianluca Preziosa, amministratore delegato di Siare ha affermato: “Stiamo parlando con Fiat Chrysler, Ferrari e Marelli per cercare di capire se possono dare una mano nella parte elettronica di questo processo.” Un rappresentante di Exor, una società con una partecipazione sia in Fiat che in Ferrari, ha affermato che gli incontri con Siare hanno avuto luogo oggi per studiare la fattibilità dell’idea.

La decisione dovrebbe essere annunciata tra poche ore. Infine, Preziosa ha affermato che un altro vantaggio della partnership con le case automobilistiche sarebbe il suo potere d’acquisto, rendendo più facile ottenere componenti che la sua piccola azienda lotta per ottenere in questo difficile momento in cui molte aziende non lavorano a causa del coronavirus.


Leggi anche: Assegno invalidità (legge 222 del 12 giugno 1984)

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler: un suo dipendente ha il Coronavirus, ecco cosa sta accadendo