Ferrari: screening volontario per i suoi dipendenti in vista del riavvio della produzione

-
21/04/2020

In attesa del riavvio della produzione i dipendenti della Ferrari si sottopongono a screening test

Ferrari: screening volontario per i suoi dipendenti in vista del riavvio della produzione

I lavoratori della Ferrari si stanno iscrivendo in massa per lo screening volontario per capire se hanno contratto il coronavirus in modo da poter tornare al lavoro il più presto possibile. Lo staff Ferrari, le famiglie e i fornitori prima dovranno eseguire gli esami del sangue per vedere se sono sani e quindi riceveranno un’app che li avviserà se sono stati in stretto contatto con membri dello staff che hanno contratto COVID-19. In tal caso dovranno evitare di tornare in fabbrica. Si tratta di un piano che a quanto pare sta suscitando l’interesse di altre aziende e che dunque potrebbe venire applicato in futuro anche in altre fabbriche come strumento per evitare che al riavvio della produzione possano aumentare i casi di lavoratori infettati dal coronavirus nel luogo di lavoro.

In attesa del riavvio della produzione i dipendenti della Ferrari si sottopongono a screening test

L’obiettivo è quello di garantire che solo il personale in buona salute riprenda il lavoro, ma se qualcuno ha preso il coronavirus, i suoi contatti stretti saranno avvisati dall’app dello smartphone di stare lontano dal lavoro fino a quando non avranno ultimato la propria quarantena e non saranno risultati negativi al virus. A quanto pare già 500 dei 4.500 lavoratori della Ferrari si sarebbero sottoposti al test. La Ferrari dal canto suo dice di essere pronta a fare test per 800 lavoratori al giorno. Gli stessi sindacati si sono detti favorevoli a tale misura per consentire alle fabbriche di potersi riavviare e allo stesso tempo garantendo così la salute dei propri assistiti.


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

Ti potrebbe interessare: L’ex capo del team Ferrari Maurizio Arrivabene diventa autista di ambulanza