Ferrari sta valutando il suo futuro in Formula 1

-
23/04/2020

Mattia Binotto ha avvertito che Ferrari dovrà valutare se rimanere in Formula 1 se il limite di budget dovesse diminuire ulteriormente

Ferrari sta valutando il suo futuro in Formula 1

Il responsabile del team Ferrari, Mattia Binotto, ha avvertito che il produttore dovrà considerare se rimanere in Formula 1 o meno se il limite di budget di 160 milioni di euro dovesse diminuire ulteriormente. Con nove gare rimandate o annullate fino ad oggi, i team e i funzionari di Formula 1 hanno preso in considerazione modi per ridurre i costi futuri, ma Binotto afferma che le diverse situazioni tra i team significano che non esiste una soluzione universalmente soddisfacente. “In Formula 1, abbiamo team con caratteristiche diverse”, ha detto Binotto a The Guardian.

Mattia Binotto ha avvertito che Ferrari dovrà valutare se rimanere in Formula 1 se il limite di budget dovesse diminuire ulteriormente

“Siamo ben consapevoli che la F1 e il mondo intero in questo momento stanno attraversando un momento particolarmente difficile a causa della pandemia di Covid-19. Tuttavia, non bisogna reagire in fretta perché c’è il rischio di prendere decisioni a causa di questa emergenza senza valutare chiaramente tutte le conseguenze “. Diverse squadre stanno facendo pressioni affinché  il budget venga ulteriormente ridotto a 135 milioni di euro per il 2022 e Binotto afferma che raggiungere questo limite richiederebbe alla sua squadra di compiere sacrifici significativi.

“La F1 deve rimanere il top dello sport automobilistico in termini di tecnologia e prestazioni. Deve essere attraente per le case automobilistiche e gli sponsor che vogliono essere collegati a questa categoria più prestigiosa. Se limitiamo eccessivamente i costi, corriamo il rischio di ridurre considerevolmente il livello, avvicinandolo sempre di più alle formule inferiori”, ha concluso il numero uno della Ferrari in Formula 1.


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

Ti potrebbe interessare: Formula 1, Binotto: “È molto importante essere flessibili riguardo al calendario”