Ferrari utilizzerà anche nel 2020 gli ordini di scuderia se necessario

-
24/02/2020

Binotto conferma che gli ordini di squadra continueranno ad esistere alla Ferrari in situazioni chiare

Ferrari utilizzerà anche nel 2020 gli ordini di scuderia se necessario

Il cambio di politica della Ferrari riguardo ai suoi due piloti, che quest’anno partiranno alla pari, non significa che il team abbia escluso di usare gli ordini di scuderia. Al lancio della nuova auto della squadra all’inizio di questo mese, il caposquadra Mattia Binotto ha confermato che Sebastian Vettel e Charles Leclerc avrebbero ricevuto lo stesso trattamento, questo dopo le forti prestazioni di Leclerc nella sua prima stagione di F1 con il team del cavallino rampante.

Binotto conferma che gli ordini di squadra continueranno ad esistere alla Ferrari in situazioni chiare

Ma la scorsa settimana Mattia Binotto ha dichiarato di essere pronto a utilizzare gli ordini di squadra in “situazioni chiare” per garantire il miglior risultato possibile per la Ferrari. Leclerc, secondo Binotto, lo scorso hanno ha dimostrato di non essere inferiore al suo compagno di squadra Vettel. Quindi secondo il capo della scuderia del cavallino rampante è giusto che i suoi due piloti partano da una situazione di parità nella stagione di Formula 1 del 2020 che inizierà il mese prossimo da Melbourne con il Gran Premio d’Australia.

“Sanno anche che il team rappresenta priorità. Quindi gli ordini di scuderia potrebbero essere ancora lì. Questo significa che sono liberi di correre, ma che potrebbero esserci ordini di squadra a beneficio dell’intera squadra. Ma deve essere una situazione chiara. ” ha dichiarato il numero uno del tem di Maranello. Vettel e Leclerc si sono scontrati durante il Gran Premio del Brasile alla fine della scorsa stagione, ma Binotto è fiducioso che eviteranno ulteriori incursioni quest’anno. Il team principal della Ferrari pensa che dopo gli spiacevoli episodi dello scorso anno i due piloti si siano parlati, abbiano chiarito la situazione e dunque quest’anno non dovrebbero capitare situazioni come quella avvenuta durante il Gran Premio del Brasile del 2019.


Leggi anche: Bonus vacanze 2021, le novità: proroga con scadenza a fine anno grazie al Milleproroghe

Ti potrebbe interessare: Binotto: la Ferrari “non è abbastanza brava” nei giochi politici della Formula 1