Fiat Chrysler annuncia importante cambiamento

-
20/12/2019

Fiat Chrysler ha dichiarato venerdì di aver venduto la sua attività di componenti automobilistici in ghisa

Fiat Chrysler annuncia importante cambiamento

Fiat Chrysler ha dichiarato venerdì di aver venduto la sua attività di componenti automobilistici in ghisa operata attraverso la sua controllata Teksid alla brasiliana Tupy per 210 milioni di euro. La vendita comprende gli impianti di produzione di ghisa di Teksid in Brasile, Messico, Polonia e Portogallo, oltre all’interesse per una joint venture in Cina. FCA ha osservato che l’attività in alluminio di Teksid non è inclusa nella transazione e rimarrà un asset strategico nel suo portafoglio.

Fiat Chrysler ha dichiarato venerdì di aver venduto la sua attività di componenti automobilistici in ghisa

L’accordo dovrebbe concludersi nella seconda metà del 2020. Tupy è specializzata nello sviluppo e nella produzione di componenti strutturali in ghisa strutturale.

“La transazione proposta rappresenta un altro passo importante nell’attuazione del piano aziendale di Fiat Chrysler Automobiles”, ha affermato Scott Garberding, Chief Manufacturing Officer globale di FCA. Nel loro insieme, le due società hanno registrato oltre 7,2 miliardi di euro di fatturato nel 2018 e impiegano più di 20.000 persone.

Tupy è uno dei leader mondiali nella produzione di sofisticati componenti strutturali in ghisa per motori, sistemi di frenatura e cuscinetti, trasmissione, sterzo, assale e sospensioni. I principali settori di attività sono l’automotive e l’idraulica.


Leggi anche: Pagamento Imu, calcolo, scadenza e saldo 2020: chi potrà beneficiare della cancellazione per Covid-19

Ricordiamo che si tratta di una notizia che si va ad inserire in un periodo ricco di novità per il gruppo italo americano. Infatti Fiat Chrysler e PSA hanno concordato mercoledì di fondersi in un’unica società che diventerà la quarta casa automobilistica più grande del mondo.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler Automobiles ha avviato il 90% degli investimenti pianificati in Italia