Fiat Chrysler: da lunedì riparte la produzione in alcuni stabilimenti

-
22/04/2020

Fiat Chrysler ha comunicato che da lunedì 27 aprile alcuni suoi stabilimenti in Italia riapriranno i battenti

Fiat Chrysler: da lunedì riparte la produzione in alcuni stabilimenti

Fiat Chrysler ha comunicato che da lunedì 27 aprile alcuni suoi stabilimenti in Italia riapriranno i battenti dopo la chiusura dovuta all’epidemia di coronavirus. In particolare ripartirà lo stabilimento Sevel di Atessa in centro Italia dove viene prodotto il veicolo commerciale leggero Fiat Ducato. Inoltre presso gli stabilimenti Fiat Chrysler Automobiles di Melfi, Pomigliano d’Arco, Termoli e Mirafiori riapriranno alcuni reparti di componentistica. Dato che fino al 3 maggio le fabbriche non essenziali dovrebbero rimanere chiuse. Per riaprire i suoi siti produttivi FCA chiederà un’autorizzazione prefettizia.

Fiat Chrysler ha comunicato che da lunedì 27 aprile alcuni suoi stabilimenti in Italia riapriranno i battenti

Fiat Chrysler ha comunicato le sue intenzioni anche ai sindacati che si sono detti favorevoli. Lo hanno comunicato gli stessi attraverso una nota stampa diffusa dalle sigle sindacali Fim, Fiom, Uilm, Fismic, UglM e AqcfR. Ovviamente i sindacati hanno però preteso il rispetto delle regole previste per garantire la sicurezza e la salute dei propri assistiti all’interno delle fabbriche di FCA. Solo a maggio però si tornerà ad una ripresa produttiva completa. Il riavvio della produzione dunque mirerà a dare la priorità ad alcuni veicoli. Oltre al già citato Fiat Ducato anche la nuova Fiat 500 elettrica e Jeep Compass saranno le prime auto a ripartire. Per quanto riguarda invece lo stabilimento Alfa Romeo di Cassino si dovrà aspettare ancora almeno fino a metà maggio.


Leggi anche: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler ha iniziato la produzione di parti di ventilatori polmonari in Italia