Fiat Chrysler: ecco cosa sta accadendo nelle fabbriche italiane

-
10/03/2020

Le fabbriche italiane di Fiat Chrysler Automobiles continueranno ad essere operative nonostante le restrizioni che hanno colpito l’Italia per il coronavirus

Fiat Chrysler: ecco cosa sta accadendo nelle fabbriche italiane

Le fabbriche italiane di Fiat Chrysler Automobiles stanno vivendo momenti difficili in questo periodo a causa della diffusione dell’epidemia di Coronavirus che ha costretto il Premier italiano Giuseppe Conte a far diventare zona rossa l’intera Italia. Nonostante ciò, nelle scorse ore i dirigenti del gruppo italo americano hanno confermato che i lavori negli stabilimenti dell’azienda in Italia continueranno anche in questo periodo di restrizioni.

Le fabbriche italiane di Fiat Chrysler continueranno ad essere operative nonostante il coronavirus

In Italia sono in totale 16 i siti produttivi di Fiat Chrysler Automobiles in cui vengono prodotte vetture a marchio Fiat, Jeep, Alfa Romeo e Maserati. Il gruppo italo americano ha annunciato di aver introdotto alcuni cambiamenti alle sue attività all’interno delle fabbriche italiane in maniera da rispettare quanto previsto dal Decreto del Presidente del Consiglio. Questo soprattutto in maniera da tutelare la salute dei propri dipendenti all’interno e all’esterno degli impianti, garantendo al contempo la continuità delle operazioni.

Fiat Chrysler Automobiles ha inoltre confermato che continuerà a tenere d’occhio la situazione ed eventualmente ad intervenire per garantire la salute e la sicurezza dei propri dipendenti nel caso in cui fosse necessario fare altre modifiche. Vi aggiorneremo naturalmente nel caso in cui dovessero arrivare ulteriori aggiornamenti a proposito alla situazione degli stabilimenti italiani del gruppo Fiat Chrysler Automobiles.


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler Automobiles: il futuro amministratore delegato afferma che solo i “tossicodipendenti verdi” acquistano EV