Fiat Chrysler: i crediti di CO2 acquistati da Tesla finanzieranno la Gigafactory in Germania

-
10/01/2020

Tesla finanzierebbe la sua Gigafactory 4 in Germania grazie al denaro elargito da Fiat Chrysler per accorpare le proprie gamme in Europa

Fiat Chrysler: i crediti di CO2 acquistati da Tesla finanzieranno la Gigafactory in Germania

Secondo una banca di investimento americana, l’accordo concluso in primavera tra Fiat Chrysler e Tesla in merito ai crediti di CO2 verrebbe utilizzato per finanziare la Gigafactory 4 del produttore americano, che sorgerà nei pressi di Berlino. Le due case automobilistiche hanno unito le loro gamme di auto in Europa, consentendo al gruppo italo americano di ridurre artificialmente la sua emissione media di CO2. Un modo per la società di evitare le pesanti multe dell’Unione europea e, per inciso, di risparmiare ingenti somme di denaro.

Tesla finanzierebbe la sua Gigafactory 4 in Germania grazie al denaro elargito da Fiat Chrysler per accorpare le proprie gamme in Europa

A Tesla, questo accordo ha permesso di salvare le sue casse garantendo un importo di due miliardi di euro. L’acquisto di crediti di CO2 da una società specializzata in veicoli elettrici ha necessariamente un costo per Fiat Chrysler. L‘opzione “open pool” disponibile all’interno dell’UE dà ai produttori il diritto di raggruppare le loro flotte per raggiungere determinati obiettivi.

Ciò avrebbe uno scopo chiaro e preciso: finanziare la Gigafactory 4 di Tesla che sarà situata vicino al nuovo aeroporto di Berlino, secondo una banca di investimento americana. Ciò consentirebbe all’impresa californiana di ammortizzare considerevolmente il suo investimento. Insomma sicuramente una strategia intelligente per la casa automobilistica di Elon Musk che in questa maniera finanzierà la sua espansione globale.


Leggi anche: Pace fiscale 2021, il governo punta al decreto Sostegno: dalla proroga della rottamazione ter al saldo e stralcio, fino alla cancellazione dei debiti da 5mila euro

Ti potrebbe interessare: Ghosn afferma che Renault e Nissan stavano per fondersi con Fiat Chrysler