Formula 1 preoccupata dal Coronavirus: “La situazione cambia ogni giorno”

-
28/02/2020

Il Presidente di Liberty Media Chase Carey è molto preoccupato per il destino della Formula 1 a causa del Coronavirus

Formula 1 preoccupata dal Coronavirus: “La situazione cambia ogni giorno”

Chase Carey si trova sul Circuit de Barcelona-Catalunya. Il presidente di Liberty Media è a Montmeló per incontrare le squadre di Formula 1 e valutare come la categoria regina risponde alla crisi del coronavirus, che minaccia di modificare gravemente il calendario di questa stagione. Carey suggerisce che è ancora troppo presto per sapere esattamente cosa accadrà con il GP australiano, perché la situazione è molto variabile ed è rischioso fare previsioni. Quindi lo sport è in attesa.

Il Presidente di Liberty Media preoccupato per la Formula 1 a causa del Coronavirus

Il miglior esempio è il caso del Motor Show di Ginevra, che è stato cancellato  anche se solo tre giorni fa i responsabili insistevano sul fatto che tutto fosse controllato e che fossero sufficienti precauzioni estreme. Che il più grande evento nel settore automobilistico venga annullato non è il messaggio calmante di cui la Formula 1 ha bisogno. Il Gran premio della Cina è rinviato, sebbene possa venire recuperato alla seconda metà della stagione se l’epidemia del coronavirus si fermerà. Il problema è che non si tratta di un caso isolato. L’Australia è in bilico, come nel caso del Bahrain e del Vietnam a causa delle restrizioni imposte alla mobilità e alle raccomandazioni sanitarie.


Leggi anche: Soldi depositati in banca: non sono più i tuoi, a dirlo la legge

“Stiamo attraversando un momento difficile, ma la situazione cambia ogni giorno che passa. Il mondo non ama l’incertezza. Questo è un problema importante e lo affronteremo comodamente ”, ha affermato Carey nel paddock Montmeló in dichiarazioni raccolte da Mundo Deportivo, evitando di decidere in merito alla cancellazione dell’appuntamento. In una conferenza con gli investitori, lo stesso Chase Carey ha dichiarato questa settimana che il calendario non era in pericolo. Ma quello che sta accadendo gli impedisce di fornire una dichiarazione categorica.

I prossimi giorni saranno importanti per sapere se la stagione di Formula 1 2020 può essere disputata come previsto. Joan Fontseré, direttore del Circuit de Barcelona-Catalunya, ne ha parlato stamattina in un’intervista radiofonica con RAC1, dove ha anche insistito sul fatto che le pubbliche amministrazioni non hanno smesso di sostenere il GP di Spagna nei negoziati per il rinnovo del suo contratto “Hanno dovuto cancellare il GP della Cina e la loro preoccupazione è alta in relazione alle gare del sud-est asiatico, verso l’area più vicina all’influenza. Con il tour europeo, che inizia in Olanda, non è così. ”

Ti potrebbe interessare: Formula 1 Gran Premio d’Australia: le autorità non escludono la cancellazione