In Germania l’industria automobilistica potrebbe perdere 100.000 posti di lavoro a causa del coronavirus

-
30/03/2020

Si stima che circa 100.000 posti di lavoro nell’industria automobilistica in Germania siano a rischio a causa del coronavirus

In Germania l’industria automobilistica potrebbe perdere 100.000 posti di lavoro a causa del coronavirus

Si stima che circa 100.000 posti di lavoro nell’industria automobilistica in Germania siano a rischio a causa del coronavirus e del suo impatto sul settore. Lo ha riferito il quotidiano tedesco Welt. La domanda di veicoli in Germania sta diminuendo in quanto il paese è stato colpito in modo particolarmente grave dalla pandemia di Covid-19 e, secondo l’esperto di mercato automobilistico Ferdinand Dudenhöffer, la capacità di produzione nel paese potrebbe essere troppo grande, con un potenziale aumento di 1,3 milioni veicoli. La produzione automobilistica in Germania dovrebbe ridursi a 3,8 milioni di veicoli quest’anno rispetto ai 5,1 milioni di veicoli prodotti localmente nel 2019, secondo le previsioni dell’esperto.

Si stima che circa 100.000 posti di lavoro nell’industria automobilistica in Germania siano a rischio a causa del coronavirus

Questo calo della produzione sarà innescato da un calo significativo della domanda e potrebbe vedere ridursi di circa 100.000 posti il numero di coloro che attualmente sono impiegati nell’industria automobilistica tedesca che al momento sono 830.000. Dudenhöffer chiede al governo tedesco di fare di più per stimolare la domanda di auto nuove, in particolare di veicoli elettrici e ibridi. Allo stato attuale, il paese offre un bonus ambientale fino a € 6.000  per gli acquirenti di veicoli ecologici, ma potrebbero essere adottate anche altre misure. Vedremo dunque come la Germania affronterà il difficile momento dovuto alla pandemia di coronavirus che sta mettendo a dura prova la sua industria automobilistica.


Leggi anche: Casa in donazione, dopo quanti anni si può vendere?

Ti potrebbe interessare: Il settore automobilistico in Europa è paralizzato a causa della pandemia di coronavirus