La Formula 1 rinvia la rivoluzione dal 2021 al 2022

-
20/03/2020

La Formula 1 ha accettato di ritardare l’introduzione del pacchetto di nuove regole per il 2021 fino alla stagione 2022

La Formula 1 rinvia la rivoluzione dal 2021 al 2022

La Formula 1 ha accettato di ritardare l’introduzione del pacchetto di nuove regole per il 2021 fino alla stagione 2022. La mossa arriva dopo un incontro in teleconferenza avvenuto ieri tra l’amministratore delegato della F1 Chase Carey, l’amministratore delegato degli sport motoristici Ross Brawn, il presidente della FIA Jean Todt e i 10 team principal delle scuderie di F1. Una dichiarazione della FIA recitava: “Tutte le parti hanno discusso dell’attuale situazione del campionato 2020 e di come lo sport reagirà alle sfide in corso causate dalla pandemia di COVID-19. A causa della situazione finanziaria attualmente instabile che ciò ha creato, è stato concordato che i team useranno il loro telaio 2020 per il 2021″.

La Formula 1 ha accettato di ritardare l’introduzione del pacchetto di nuove regole per il 2021 fino alla stagione 2022

La decisione arriva dopo che la stagione in corso è stata messa in attesa a causa della pandemia di coronavirus, aumentando la crescente incertezza su quando e se ci saranno gare quest’anno. A seguito del recente annullamento del Gran Premio d’Australia, le seguenti sei gare in Bahrain, Vietnam, Cina, Paesi Bassi, Spagna e Monaco sono state tutte rinviate, le ultime tre nelle scorse ore.

C’era una duplice preoccupazione per le squadre che partecipavano alla riunione: una sensibile riduzione delle entrate e un calendario pesantemente congestionato nella seconda metà dell’anno che porterebbe a pressioni quasi ingestibili nel tentativo di completare questa stagione in tandem con la produzione delle auto pesantemente riviste del prossimo anno.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Un incontro all’inizio di questa settimana che ha coinvolto i dirigenti delle squadre aveva portato ad un accordo per un rinvio, con solo la Ferrari che al momento si asteneva. Dopo un periodo di riflessione, la Ferrari ha ora deciso che per il bene di questo sport in tempi così difficili, un tale rinvio è nel miglior interesse della Formula 1. La decisione deve ora essere ratificata formalmente nella prossima riunione del World Motor Sport Council. Ciò si applica alle norme tecniche solo poiché i piani per il limite di spesa di $ 175 milioni entreranno ancora in vigore nel 2021.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: i dubbi sul Gp d’Olanda aumentano dopo lo stop all’Eurovision Song Contest