La fusione FCA-PSA si farà nonostante COVID-19

-
09/04/2020

I piani di fusione tra Fiat Chrysler Automobiles e PSA continuano nonostante il coronavirus, lo ha confermato John Elkann

La fusione FCA-PSA si farà nonostante COVID-19

I piani di fusione tra il gruppo automobilistico italo americano Fiat Chrysler Automobiles (FCA) e la società francese Peugeot Citroën (PSA) continuano e non porteranno alla chiusura delle fabbriche, nonostante le difficoltà economiche derivate della crisi del coronavirus. Lo afferma il presidente della FCA John Elkann in una lettera inviata agli azionisti di Exor, la holding della famiglia Agnelli. “Siamo convinti di poter raggiungere le sinergie previste di circa 3,7 miliardi di euro all’anno senza chiudere le fabbriche, grazie alla creazione di una nuova società, soprattutto considerando che sarà guidata da Carlos Tavares, che ha raggiunto solidi risultati come CEO di PSA “, sostiene.

I piani di fusione tra Fiat Chrysler Automobiles e PSA continuano nonostante il coronavirus

“La nuova società avrà le risorse e le dimensioni necessarie per essere in prima linea in questa nuova era di mobilità sostenibile”, aggiunge. L’anno scorso, Fiat Chrysler e PSA – il produttore di Peugeot, Citroën e Opel – hanno confermato di aver pianificato una fusione per creare la quarta più grande azienda automobilistica al mondo con sinergie stimate a 3,7 miliardi di euro.

Prima della conclusione di questa operazione, FCA ha promesso di distribuire un dividendo del valore di 5,5 miliardi di euro ai suoi azionisti per eguagliare le valutazioni dei due gruppi, mentre la società francese venderà la sua quota del 46% nel fornitore automobilistico Faurecia.

La crisi del coronavirus ha penalizzato i mercati azionari mondiali a causa dell’incertezza degli investitori in merito agli effetti negativi sulle economie e FCA ha perso il 34,13% alla Borsa di Milano negli ultimi sei mesi e il 29,67% solo in l’ultimo mese. Alcuni esperti in Italia si chiedono se il gruppo sarà in grado di distribuire questo dividendo. Per il momento, FCA ha annunciato di rinviare l’assemblea dei soci dal 16 aprile alla fine di giugno.


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Nella lettera inviata agli azionisti di Exor, Elkann riconosce la difficile situazione del tessuto imprenditoriale con la pandemia di coronavirus e in particolare le società del gruppo FCA, Ferrari e CNH Industrial, che hanno dovuto sospendere temporaneamente la loro produzione in Europa e in Europa e Stati Uniti Tuttavia, chiarisce che “lo spirito e la determinazione” dei lavoratori consentiranno a queste aziende “di tornare più forti quando tutto questo sarà finito”.

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler ha iniziato la produzione di parti di ventilatori polmonari in Italia