Le vendite di veicoli Fiat Chrysler calano del 39% nel secondo trimestre in USA

-
01/07/2020

Fiat Chrysler ha dichiarato mercoledì che le vendite negli Stati Uniti del secondo trimestre sono state di 367.086 veicoli, in calo del 39%

Le vendite di veicoli Fiat Chrysler calano del 39% nel secondo trimestre in USA

Fiat Chrysler Automobiles ha dichiarato mercoledì che le vendite negli Stati Uniti del secondo trimestre sono state di 367.086 veicoli, in calo del 39% rispetto a un anno fa, dato che il “caos economico” di aprile causato dalla pandemia di COVID-19 è stato seguito da un rimbalzo delle vendite al dettaglio più forte del previsto a maggio e Giugno. Il produttore automobilistico ha dichiarato che il volume della flotta è rimasto basso durante il trimestre, poiché le consegne di veicoli ai clienti al dettaglio sono state prioritarie.

Fiat Chrysler ha dichiarato mercoledì che le vendite negli Stati Uniti del secondo trimestre sono state di 367.086 veicoli, in calo del 39%

La società ha affermato che la pandemia ha aumentato le vendite di veicoli online, dato che circa il 20% dei nuovi contatti di vendita proviene ora dalla vendita al dettaglio online, rispetto a circa l’1% di un anno fa. Tra i modelli Fiat Chrysler, le vendite totali del marchio Jeep sono diminuite del 27% durante il trimestre, le vendite del marchio Ram sono diminuite del 35%, le vendite del marchio Chrysler sono diminuite del 58% e le vendite del marchio Dodge sono diminuite del 63%.

Le azioni di Fiat Chrysler sono diminuite del 2,6% nella negoziazione mattutina. Ad oggi ha perso il 32,1%, mentre l’S & P 500 SPX, 0,68% è scivolato del 3,6%. Si spera ovviamente che la situazione del gruppo italo americano negli Stati Uniti possa migliorare nettamente nel corso del terzo trimestre del 2020. Quello del resto è il mercato principale per FCA a livello globale.


Leggi anche: Pensioni anticipate e quota 41 per i precoci: i requisiti a oggi, ma l’allargamento nel 2022 è a rischio

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler ha chiesto a 24 mila dipendenti di restituire centinaia di dollari