Mazda potrebbe finalmente rilanciare il suo motore rotativo

-
11/04/2020

Mazda ha lasciato intendere che la MX-30 potrebbe adottare un motore rotativo usato come estensore di autonomia

Mazda potrebbe finalmente rilanciare il suo motore rotativo

Mazda è finalmente entrata nel mercato delle auto elettriche con il crossover MX-30. In Europa la Mazda MX-30 utilizza una batteria agli ioni di litio da 35,5 kWh che fornisce un’autonomia di 250 km con una singola carica. Utilizzando un caricabatterie rapido da 50 kW, la batteria può essere caricata all’80% in circa 40 minuti. Purtroppo, la sua autonomia irrisoria rende difficile per questo modello della casa giapponese competere con i suoi rivali. Invece di dare priorità all’autonomia, Mazda voleva che MX-30 fosse il più efficiente possibile. Tuttavia, la società nipponica potrebbe ancora trovare un modo per migliorare l’autonomia della MX-30 senza aumentare le dimensioni della batteria.

Mazda ha lasciato intendere che la MX-30 potrebbe adottare un motore rotativo usato come estensore di autonomia

Di recente infatti Mazda ha lasciato intendere che la MX-30 potrebbe adottare un motore rotativo usato come estensore di autonomia. Una configurazione simile è stata utilizzata in un prototipo Mazda2 EV che aveva un piccolo motore a rotore singolo usato come estensore di portata. Secondo la casa giapponese, “un sistema simile potrebbe trovare spazio sulla MX-30, un nuovissimo SUV crossover elettrico a batteria che arriverà nei concessionari quest’anno”.

Con questa configurazione, il veicolo potrebbe raddoppiare la sua autonomia, il che sarebbe un gradito miglioramento rispetto alla situazione attuale della MX-30. Mentre la casa automobilistica giapponese potrebbe finalmente far rivivere il suo motore rotativo per la MX-30, stiamo ancora aspettando una nuova auto sportiva rotativa. Mazda ha presentato in anteprima un’auto sportiva rotativa rinata con la straordinaria RX-Vision nel 2015, ma una versione di produzione non è ancora stata lanciata. La casa nipponica, inoltre, non ha prodotto una nuova auto sportiva rotativa da quando la RX-8 ha terminato la produzione nel 2012. Tuttavia non perdiamo ancora tutte le speranze, poiché un recente deposito di brevetti ha lasciato intendere che l’azienda potrebbe sviluppare un successore della RX-8.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Ti potrebbe interessare: Mazda3 ha vinto il World Car Design of the Year Award 2020