Mercedes discuterà del ritiro dalla Formula 1

-
29/01/2020

Mercedes potrebbe dire addio alla Formula 1 come team rimanendo solo come fornitore di motori

Mercedes discuterà del ritiro dalla Formula 1

La decisione sull’opportunità di lasciare la Formula 1 come costruttore sarà discussa nella prossima riunione del consiglio di amministrazione della società madre di Mercedes, Daimler. Sebbene nessuna decisione sia stata ancora presa, le fonti di alto livello suggeriscono che la decisione di lasciare lo sport sia presa in seria considerazione. Ciò avviene in quanto Mercedes lotta per arginare risultati deludenti, reindirizzare gli investimenti in ricerca e sviluppo verso le tecnologie delle auto stradali e alleviare la pressione per ridurre la propria impronta di carbonio.

Mercedes potrebbe dire addio alla Formula 1 come team rimanendo solo come fornitore di motori

L’azienda tedesca è sotto pressione per prendere una decisione al fine di contenere le spese per la stagione del 2021 e dare il tempo ai nuovi proprietari di prendere il controllo della scuderia. È anche sotto la pressione imminente di firmare un nuovo contratto con i titolari dei diritti della F1 che richiederebbe un preavviso di almeno nove mesi per lasciare la F1, secondo i termini dei suoi attuali accordi. Si prevede che Mercedes continuerà in F1 come fornitore di motori. La società tedesca ha già stipulato contratti con McLaren e Racing Point e potenziali accordi per rifornire i nuovi proprietari del team Mercedes e l’attuale cliente Williams.


Leggi anche: Pensioni anticipate, quota 102 e 41: proposta e calcolo, novità sulla riforma e possibili scenari

Ciò consentirebbe alla società di continuare ad avere una presenza di alto livello nello sport attraverso quello che si ritiene sia un canale redditizio. La divisione motori F1 di Mercedes ha sede a Brixworth nel Regno Unito e in passato ha anche contribuito alla competenza dei progetti di auto stradali dell’azienda.

Mercedes si è pubblicamente prefissata l’obiettivo di risparmiare 1,4 miliardi di euro entro la fine del 2022 e ha annunciato una serie di tagli di posti di lavoro e investimenti alla fine dello scorso anno verso questo obiettivo.

Sebbene il montepremi e la sponsorizzazione abbiano coperto la maggior parte delle spese del team di F1, si dice che il consiglio di amministrazione di Daimler sia preoccupato che competere in uno sport così apertamente stravagante in un momento di licenziamenti e la crescente importanza della messaggistica ambientale sia inappropriato.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: ecco cosa è stata la prima cosa che Toto Wolff ha fatto quando è arrivato alla Mercedes