PSA chiude le fabbriche europee per prevenire la diffusione del coronavirus

-
16/03/2020

PSA è diventato l’ultimo produttore di veicoli a mettere in pausa la produzione di veicoli in Europa

PSA chiude le fabbriche europee per prevenire la diffusione del coronavirus

PSA è diventato l’ultimo produttore di veicoli a mettere in pausa la produzione di veicoli in Europa, inclusi gli impianti di Ellesmere Port e Luton di Vauxhall, in risposta alla rapida accelerazione della pandemia di coronavirus. Il gruppo di produzione, che incorpora Peugeot, Citroën, Vauxhall / Opel e DS , ha delineato un programma dettagliato di chiusure di fabbrica pianificate. Oltre ai due stabilimenti del Regno Unito, la chiusura interessa anche strutture in Francia, Spagna, Portogallo, Germania e Slovacchia.

PSA ferma la produzione in Europa

Una dichiarazione della società dice che l’accelerazione osservata negli ultimi giorni di gravi casi COVID-19 vicino ad alcuni siti di produzione, interruzioni della fornitura da parte dei principali fornitori e l’improvviso calo dei mercati automobilistici sarebberpo le ragioni alla base della decisione. A partire da oggi (16 marzo), lo stabilimento Mulhouse di Peugeot vicino a Parigi, che produce la 208 e la struttura di Madrid dove Citroen costruisce il C4 Cactus, rimarranno chiusa fino a venerdì 27 marzo.

Domani, anche le fabbriche a Poissy, Rennes, Sochaux, Zaragosa, Eisenach, Russelsheim, Ellesmere Port e Gliwice chiuderanno le loro porte fino a venerdì prossimo. Prima della fine della settimana, le operazioni si fermeranno anche a Hordain, Vigo, Mangualde, Luton e Trnava. La società ha affermato che, in vista della chiusura temporanea di ciascun sito, “andrà oltre” le raccomandazioni delle autorità sanitarie locali al fine di prevenire al meglio la diffusione del virus. La decisione riguarda tutti i marchi di proprietà di PSA, incluso Vauxhall, che attualmente costruisce l’Astra al porto di Ellesmere e il suo furgone Vivaro a Luton.


Leggi anche: Reddito di emergenza (REM Inps): giorni decisivi per gli ultimi pagamenti di gennaio 2021, in attesa del Decreto Ristori 5

Ti potrebbe interessare: PSA è pronta a rivedere il suo accordo con Huawei per facilitare la fusione con FCA