Tesla aiuta i conducenti cinesi a fuggire dal coronavirus

-
28/01/2020

Tesla mette a disposizione le proprie stazioni di ricarica gratuitamente per i clienti cinesi fino alla fine della crisi provocata dal coronavirus

Tesla aiuta i conducenti cinesi a fuggire dal coronavirus

La Cina sta affrontando una grave crisi sanitaria in questo momento. Al momento della stesura di questo articolo, oltre 100 persone sono morte a causa della malattia respiratoria del coronavirus e oltre 4.500 sono state infettate. La situazione è così grave che diverse città sono in quarantena. Collegamenti di trasporto pubblico sono stati chiusi anche in alcune città per impedire la diffusione del virus mortale. Senza accesso ai trasporti pubblici, le persone nelle città colpite faranno affidamento pesantemente sulle loro auto per spostarsi. Per contribuire a rendere la loro vita più facile in questo momento difficile, Tesla offre ai propri clienti cinesi ricarica gratuita per tutti i veicoli compreso il Model 3 , Model S, e del Model X.

Tesla mette a disposizione le proprie stazioni di ricarica gratuitamente per i clienti cinesi fino alla fine della crisi provocata dal coronavirus

Le foto condivise da un proprietario di Tesla mostrano una notifica che è stata inviata ai clienti cinesi di Tesla che annuncia che saranno in grado di caricare gratuitamente la propria auto presso qualsiasi stazione di ricarica in Cina fino alla fine della crisi. “Per rendere più facile il viaggio durante l’epidemia di coronavirus, con efficacia oggi apriremo temporaneamente tutti i veicoli Tesla per farli caricare gratuitamente nella stazione di sovralimentazione fino a quando l’epidemia non sarà risolta”, recita l’annuncio di Tesla. “Speriamo che durante questo straordinario periodo, sarai in grado di rifornire l’elettricità in modo efficiente e utilizzare la tua auto senza problemi quando necessario.”


Leggi anche: Contact center INPS: numero verde dall’Italia e dall’estero

Ti potrebbe interessare: Fiat Chrysler: i crediti di CO2 acquistati da Tesla finanzieranno la Gigafactory in Germania