Tesla riaprirà la sua fabbrica per realizzare ventilatori per pazienti COVID-19

-
26/03/2020

Elon Musk ha annunciato che Tesla riaprirà rapidamente la sua Gigafactory di New York al fine di realizzare ventilatori per i pazienti COVID-19

Tesla riaprirà la sua fabbrica per realizzare ventilatori per pazienti COVID-19

Il CEO Elon Musk ha annunciato che Tesla tenterà di riaprire rapidamente la sua Gigafactory New York al fine di realizzare ventilatori per i pazienti COVID-19 nello stato. Diversi ospedali negli Stati Uniti hanno bisogno di ventilatori per aiutare a salvare i pazienti più colpiti dal coronavirus. Nei commenti precedenti dell’ultimo mese, Musk è stato scettico sul fatto che ci sarà bisogno di più ventilatori. Il CEO ritiene che “potremmo aver superato il picco di casi negli Stati Uniti”.

Elon Musk ha annunciato che Tesla riaprirà rapidamente la sua Gigafactory di New York al fine di realizzare ventilatori per i pazienti COVID-19

Tuttavia, questo esclude New York, che è stata colpita più duramente dal virus rispetto a qualsiasi altro stato. Tesla ha chiuso la sua Gigafactory di New York a Buffalo all’inizio di questa settimana dopo che gli ordini di blocco sono stati implementati in varie parti degli Stati Uniti. Ora Musk afferma che Tesla prevede di riaprire il più presto possibile per realizzare ventilatori: “Giga New York riaprirà per la produzione di ventilatori non appena umanamente possibile. Faremo qualsiasi cosa in nostro potere per aiutare i cittadini di New York.”

La notizia arriva dopo che il team cinese di Tesla e Musk sono riusciti a garantire un surplus di 1.000 ventilatori dalla Cina e li hanno consegnati agli ospedali in California. Alla Gigafactory di New York, Tesla produce le sue tegole solari nonché altri prodotti e accessori, come i componenti per il suo Supercharger V3.


Leggi anche: Bonus Natale 2020, in arrivo un cashback da 150 euro: cos’è, come funziona e come ottenerlo

Ti potrebbe interessare: Tesla: la casa californiana ritira il personale dalla Germania per paura della diffusione dell’epidemia di coronavirus