Vettel risponde scherzosamente a Verstappen: “Il ritmo della Red Bull è un po’ sospetto”

-
17/11/2019

Dopo le qualifiche in Brasile Sebastian Vettel ha scherzosamente reagito ai commenti di Max Verstappen in USA

Vettel risponde scherzosamente a Verstappen: “Il ritmo della Red Bull è un po’ sospetto”

La star della Ferrari Sebastian Vettel ha scherzosamente reagito ai commenti di Max Verstappen negli Stati Uniti, con il tedesco che ha affermato che il ritmo della Red Bull in Brasile è stato  “un po’ sospetto” . Vettel ha fatto riferimento alle accuse di Verstappen che due settimane fa,  aveva ha suggerito che la mancanza di ritmo del team di Maranello durante il fine settimana  in USA era avvenuto perché la scuderia del cavallino rampante aveva smesso di barare.

Dopo le qualifiche in Brasile Vettel ha scherzosamente reagito ai commenti di Verstappen in USA

Sebbene lo stesso Verstappen si sia assicurato la pole position questo fine settimana in Brasile, Vettel è arrivato dietro l’olandese in P2, e dopo aver fatto i complimenti alla Red Bull per il loro grande ritmo, non ha potuto fare a meno di applaudire il suo giovane rivale. “Dobbiamo ammettere che oggi siamo stati battuti in modo corretto”, ha  dichiarato il 32 enne Vettel in conferenza stampa.

“È stata una sorpresa vederli così veloci sui rettilinei. Un  po’  sospetto!” ha scherzato il tedesco con un grande sorriso. Nell’analizzare quale fosse la differenza tra il suo tempo e la pole position, Vettel ha manifestato qualche perplessità sul ritmo ritrovato della Red Bull sui rettilinei.


Leggi anche: Canone Rai: come ottenere il rimborso procedura e modulo

“Abbiamo assistito a molte sessioni di qualificazione dove eravamo sempre un po’ più veloci di tutti gli altri nei rettilinei ma perdevamo un po’ in curva. “Ma oggi Max e Alex sui rettilinei sono stati più veloci di noi. Questo è tutto. Non so perché. Ma non abbiamo fatto niente di diverso,” ha concluso Sebastian Vettel. 

Ti potrebbe interessare: Vettel: la Ferrari ha ancora molta strada da fare per essere al livello dei suoi rivali