Volkswagen annuncia la fine della produzione del diesel 1.6 TDI

-
24/03/2020

Volkswagen presto metterà fine alla produzione del motore diesel 1.6 TDI che sarà sostituito dal 2.0 TDI Evo

Volkswagen annuncia la fine della produzione del diesel 1.6 TDI

Il colosso tedesco Volkswagen è in procinto di ristrutturare l’offerta di motori equipaggiati con tutti i modelli di tutte le marche. Skoda e SEAT, insieme alla casa madre di Wolfsburg, stanno scommettendo sui nuovi propulsori a tre cilindri turbo da 1,0 litri, ma nei diesel la grande novità si chiama 2.0 TDI Evo. È il nuovo motore diesel EA288 Evo che abbiamo scoperto in un prototipo della nuova Leon. Il marchio spagnolo è stato responsabile dello sviluppo di questo motore a quattro cilindri che offrirà un ampio spettro di potenze, da 115 a 190 CV, una novità nella compatta del marchio spagnolo, nella Skoda Octavia e nella Volkswagen Golf.

Volkswagen presto metterà fine alla produzione del motore diesel 1.6 TDI che sarà sostituito dal 2.0 TDI Evo

In alcuni mercati come quello ceco, modelli come Polo e T-Cross non vendono molte auto diesel, con i più alti dati di vendita che ricevono le varianti dotate di motore a benzina 1.0 TSI con la stessa potenza del diesel o le versioni più efficienti del metano. Proprio per questo motivo queste auto perderanno presto questo motore diesel noto internamente come EA189.

Si prevede che solo il T-Roc lo manterrà in offerta fino all’arrivo del relativo restyling, che vedremo tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022. Il nuovo motore diesel 2.0 TDI Evo prenderà gradualmente il posto in tutti questi modelli, incluso la nuova Ateca che vedremo quest’anno. Si tratterà di un importante miglioramento poiché, oltre ad essere più moderno ed efficiente, questo motore può essere associato alla trazione integrale.


Leggi anche: Pensioni anticipate e Legge di bilancio 2021: si punta al contratto di espansione oltre ad APE sociale e Opzione Donna

Ti potrebbe interessare: Volkswagen chiuderà per un giorno la sua fabbrica in USA per il coronavirus