Volkswagen: le vendite in Cina tornano a crescere

-
31/03/2020

Volkswagen dice che le sue vendite di marzo in Cina quadruplicheranno rispetto a febbraio

Volkswagen: le vendite in Cina tornano a crescere

Il gruppo Volkswagen si aspetta che le vendite di suoi veicoli in Cina quadruplichino a marzo. Lo ha detto il suo numero uno in Cina, indicando una ripresa a seguito della pandemia di coronavirus. “Siamo cautamente ottimisti sul fatto che i peggiori effetti della crisi saranno dietro di noi tra due o tre mesi”, ha dichiarato Stephan Woellenstein, capo del business cinese del Gruppo di Wolfsburg. La domanda è ancora limitata, ha affermato la casa automobilistica, che è pronta a incrementare la capacità nei suoi stabilimenti nel paese, 22 dei quali hanno già ripreso la produzione. Due fabbriche di veicoli a Changsha e Urumqi sono ancora chiuse, ha detto la casa automobilistica.

Volkswagen dice che le sue vendite di marzo in Cina quadruplicheranno rispetto a febbraio

Woellenstein ha dichiarato di aspettarsi un totale delle vendite sul mercato fino a 1 milione a marzo, rispetto alle 250.000 di febbraio. “Ci sono sempre più segnali che il business si sta riprendendo. Entro la metà dell’anno, potremmo tornare alla pianificazione dello scorso anno. La speranza sta tornando sul mercato cinese”, ha detto Woellenstein.

Nel 2020, Volkswagen prevede un calo del 3-15 per cento nel mercato cinese, ma ha confermato i piani per investire oltre 4 miliardi di euro quest’anno, con circa il 40 per cento di tale somma destinata alle auto elettriche. “Partiamo dal presupposto che la ripresa continuerà e che opereremo di nuovo in un normale contesto di mercato nel 2021”, ha dichiarato Woellenstein. La casa automobilistica di Wolfsburg prevede di vendere 1,5 milioni di auto elettriche in Cina all’anno dal 2025.


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

Ti potrebbe interessare: Volkswagen: il gruppo tedesco interromperà la produzione in Europa per il coronavirus