Wolff è dispiaciuto per la Ferrari: “Vogliamo una Ferrari forte”

-
13/07/2020

Toto Wolff ha ammesso che avere una Ferrari forte è importante per la Formula 1 e anche per la stessa Mercedes

Wolff è dispiaciuto per la Ferrari: “Vogliamo una Ferrari forte”

Nella prima gara della stagione 2020 di Formula 1, Charles Leclerc è riuscito a salire sul podio, anche se con un po’ di fortuna. Nella seconda gara entrambi i piloti Ferrari sono finiti fuori al primo giro a causa di un contatto e questo ha causato molte reazioni sul web. Tuttavia, secondo il capo del team Mercedes Toto Wolff, la Ferrari tornerà rapidamente in vetta, perché è un peccato. A Speedweek Wolff afferma: “Naturalmente questo è un brutto inizio. Ma stiamo parlando di un marchio incredibile con persone laboriose al suo interno”.

Tuttavia, questa bravura e laboriosità per il momento non ha prodotto nulla di buono, perché a parte il fallimento di domenica nel Gran Premio della Stiria a causa dello scontro tra piloti imputabile ad una imprudenza di Charles Leclerc, la Ferrari non sembra avere la velocità quest’anno e questo è un peccato. Proprio perché i team hanno bisogno della Ferrari per una buona lotta.

“Vogliamo una Ferrari forte”, ha affermato Toto Wolff. L’austriaco ha ammesso che per il bene della Formula 1 spera che la Ferrari possa tornare presto ad essere competitiva. Il team principal della Mercedes inoltre pensa che sia presto per dire cosa accadrà in futuro.


Leggi anche: IMU 2021, ultimi giorni per il pagamento: tutte le info su scadenza, calcolo acconto ed F24

Wolff dice che è troppo presto per dire che la Ferrari è già fuori dalla lotta per il titolo. In Austria infatti è stato un errore del pilota a provocare il doppio ritiro. Per ora la Ferrari non sembra essere un concorrente della Mercedes quest’anno e anche la Red Bull è ancora un po’ più indietro del previsto ed è ciò che sorprende Wolff. “È stato un po’ sorprendente che l’RB16 non sia riuscita a tenere il passo con la nostra W11 ” , perché la Red Bull è stata davvero brava venerdì”.

Ti potrebbe interessare: Formula 1: ecco cosa è stata la prima cosa che Toto Wolff ha fatto quando è arrivato alla Mercedes