Multa autobus: cosa si rischia se non si paga?

In mancanza di biglietto scatta la multa, l’Atac notifica l’ordinanza d’ingiunzione al pagamento. Cosa succede se non si paga? Se il trasgressore è un minore chi paga?

Multa autobus, c’è poco da dire, quando scatta la multa si è senza biglietto. In quel momento, il controllore richiede i dati identificativi della persona sprovvista di biglietto, mentre viaggiava in autobus. Nell’indecisione di pagare o meno la multa è bene valutare alcuni aspetti. La Cassazione nella sentenza n.  5263/2000, chiarisce che dopo il verbale consegnato nelle mani del soggetto che viaggia senza il biglietto, deve seguire l’atto contenente l’ordinanza d’ingiunzione al pagamento.

Multa autobus: quali sono le conseguenze che scattano dopo la consegna del verbale?

Secondo la Cassazione il verbale emesso dal controllore nel momento della verifica del biglietto, non costituisce documento valido per l’avvio della procedura esecutiva. L’azienda municipale o il Comune, possono agire per il recupero delle spese solo notificando l’atto d’ingiunzione al pagamento, presso la residenza del trasgressore, ossia, di colui che viaggiava su un mezzo pubblico sprovvisto di biglietto.

Cosa succede se il trasgressore fornisce dati identificativi non corretti o fallaci? In questo caso, rischia un reato di falso in atto pubblico, quindi, da una sanzione puramente amministrativa passa a una condanna penale.

Cosa succede se il trasgressore non fornisce i dati identificativi, opponendo un rifiuto? In questo caso, il controllore non ha alcun potere (perquisire, trattenere, o fermare), in quanto, il trasgressore non commette reato.

Rammentiamo che il reato di resistenza a pubblico ufficiale deriva da una condotta violenta come, ad esempio una fuga ecc.

Multa autobus: cosa si rischia se non si ritira l’ordinanza ingiunzione al pagamento?

Il Comune o l’azienda municipale deve notificare presso la residenza del trasgressore l’ordinanza d’ingiunzione al pagamento. Nel caso in cui, quest’ultimo non ritiri la raccomandata ricevuta presso la Casa Comunale o Poste Italiane, per legge l’atto si considera notificato.

La legge prevede i casi di mancata notifica dell’ordinanza ingiunzione solo in presenza di eventuale errore dovuto all’invio, oppure, se sfugga l’inoltro dell’atto all’addetto preposto alla spedizione.

Multa autobus: cosa si rischia in caso di omesso pagamento dell’ordinanza ingiunzione?

La legge dispone che il trasgressore ha 30 giorni di tempo per impugnare il pagamento presentando ricorso davanti al giudice di pace. In mancanza, di pagamento o d’impugnazione il titolo si trasforma in cartella di pagamento.

Nel caso in cui arrivi la cartella di pagamento, ma l’ordinanza ingiunzione non sia stata notificata, il contribuente può presentare ricorso entro 30 giorni dalla data di notifica della cartella.

Chi paga nel caso il cui il trasgressore sia un minorenne? In questo caso, il debito dovrà essere saldato dai genitori.

Qual è il termine di prescrizione di una multa autobus? Come tutte le sanzioni amministrative ha valenza di 5 anni.

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein