Detrazioni fiscali: in arrivo la multa per chi paga in contanti, le novità

Un emendamento al decreto Milleproroghe prevede una moratoria per i contribuenti che pagano in contanti le spese che sono detraibili.

L’emendamento al decreto Milleproroghe dovrebbe introdurre una multa per coloro che effettuano pagamenti in contanti e beneficiano delle detrazioni fiscali. Ricordiamo che la normativa dal 1° gennaio 2020 prevede che per fruire delle detrazioni fiscali bisogna pagare con mezzi tracciabili tranne alcune eccezioni.

Multa per chi paga in contanti e beneficia delle detrazioni fiscali

Nello specifico la nuova normativa, che obbliga il pagamento con mezzi tracciabili delle spese mediche tranne l’acquisto di medicinali che può essere effettuato anche in contanti.

Ricordiamo che alcune spese  sono detraibili (art. 15 del Turi) solo se effettuate con pagamenti tracciabili:

La multa che dovrebbe essere inserita con l’emendamento sarà emessa a carico di tutti i contribuenti che dal 1° gennaio 2020 hanno effettuato pagamenti in contanti, invece, di effettuare i pagamenti con strumenti tracciabili.


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Angelina Tortora

Giornalista pubblicista, amministratore e autrice presso Notizieora.it. Ragioniera commercialista e revisore legale iscritta all'albo. Ha collaborato per molti anni con il Caf Tutela Fiscale e con la testata Investireoggi.it area Fisco e previdenza. Scrivere è passione, è vita, mi accompagna da quando ero bambina. Attraverso la scrittura posso comunicare notizie, idee e soprattutto aiutare gli altri. In un mondo dove tutto va all’incontrario, e dove tutto è confusione, il mio obiettivo è quello di diffondere notizie che aiutino. NotizieOra rappresenta la realizzazione di un sogno, dove esprimersi è libertà, è passione. “Solo attraverso la scrittura possiamo avere notizia di uomini che ci hanno preceduto e scoprire in cosa si sono distinti. E, come i classici insegnano, se si ha memoria di qualcuno, se ne protrae l’esistenza.”