Multe ingiuste e illegittime, “SI” all’autotutela per evitare i ricorsi

L’Istituto di autotutela contro le multe pazze a carico dei cittadini. Con una semplice istanza si può mettere fine a un’ingiustizia senza ricorrere al Giudice di Pace.

Multe da record sono state registrate nel Comune di Lecce. Il Comando di Polizia Municipale di Lecce per rispettare e integrale le “esigenze” dovute al settore amministrativo, di “batter cassa” per rientrare nel bilancio comunale. Ha elevato in modo sproporzionato la sfera delle multe a carico dei cittadini. Si tratta di un vero tesoretto, che l’amministrazione tiene ben saldo tra le mani. Infatti, il Comune ha raggiunto la prima posizione per l’elevato numero di multe nella classifica dei Comuni del Sud. Registrando incassi da star con i provenienti derivate dalle sanzioni al Codice della Strada.

Multe ingiuste o cittadini indisciplinati?

Lo “Sportello dei Diritti” da anni si batte contro questa politica in modo sproporzionato che danneggia tutti i cittadini. A conti fatti, sembrerebbe che Lecce sia la città più “indisciplinata” di tutto il Meridione, ma non è così. Questa pratica di “batter cassa” sui cittadini attraverso le multe amministrative è utilizzata da tante amministrazioni comunali. Il più delle volte si tratta di sanzioni del tutto illegittime. Un dato rilevabile dall’elevato numero di ricorsi presentato al Giudice di Pace e al Prefetto.

Manca da parte del Comune di Polizia Municipale, l’istituzione dell’autotutela che consentirebbe al cittadino di presentare un’istanza per appurare l’illegittimità della sanzione, ritenuta ingiusta. Procedendo d’ufficio all’annullamento della multa, se dovuto. Un notevole risparmio per il cittadino che non sarebbe costretto a presentarsi davanti a un giudice per contestare una sanzione amministrativa. 

Le multe e l’istituto di autotutela: cosa cambia?

Una pratica che eviterebbe una marea di ricorsi agli organi amministrativi, con un taglio deciso a carico dei cittadini di spese, costi e tempo. Con l’autotutela si avvantaggia non solo il singolo cittadino che può presentare una semplice istanza per veder tutelare un diritto. Di certo, il  beneficio investirebbe anche gli uffici amministrativi del Giudice di Pace e del Prefetto, che risulterebbero meno intasati da ricorsi per multe illegittime. 

Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, rivolge la sua attenzione in modo favorevole alla proposta del capogruppo del PD, onorevole Antonio Rotundo, che invita l’amministrazione comunale ad acquisire e promuovere iniziative verso l’applicazione dell’autotutela. In poche parole, ribadisce con toni accesi affinché il Sindaco e tutti gli organi amministrativi competenti, si attivino per realizzare l’istituto dell’autotutela. Necessario per smuovere le polemiche e le continue discussioni molto accese tra cittadini e amministrazione. 

 

Leggi anche:

Bologna: Autovelox Non Conforme, Giudice Annulla La Multa “Fuorilegge”


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instragram - Pinterest - Youtube

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein