Chi è l’uomo dietro Liberato? Strategia di marketing o semplice privacy?

Ormai il suo nome è conosciuto in tutta Italia, senza distinzione di regione e di dialetto. Stiamo parlando del caso musicale della stagione, se non dell’anno, Liberato. Si sa ben poco; è napoletano al 100%, scrive e produce le sue canzoni da solo, ma soprattutto è un autore anonimo. Tutti i suoi fan, e non, muoiono dalla voglia di sapere chi ci sia dietro Liberato. Un ragazzo, un uomo adulto, oppure un progetto mediatico come lo fu Francesco Sole? Ma soprattutto cosa accadde quel 9 maggio? A cosa fa riferimento quella data? Al ritrovamento del corpo di Moro oppure all’assassinio di Peppino Impastato? Oppure si tratta di una semplice data in cui Liberato è stato tradito? Non abbiamo risposte certe, speriamo di scoprirle al più presto. Scelta strategica di marketing o no, il caso Liberato incuriosisce parecchio.

Un successo di passaparola e anonimato

E’ cominciato tutto così: un bel giorno Liberato pubblica un video su Youtube della sua canzone 9 Maggio ed il video diventa virale. Segue il successo al punto che Liberato continua a fare musica e viene contattato da molte etichette. Ma lui rifiuta, come dice nell’unica intervista, rilasciata tra l’altro a Rolling Stone, lui è un artista e vuole fare solo musica, non è in cerca di fama. La cosa per cui si differenzia è la sua bravura nell’unire il linguaggio e la cultura musicale napoletana (con i suoi tanti topos) con la musica elettronica. Il risultato è davvero un qualcosa pazzesco. Al punto che, ad esempio, la canzone che lo ha reso celebre, appunto 9 Maggio, ancora rimbomba nella nostra mente.

L’intervista con Rolling Stone

Furono loro i primi a presentare al mondo della musica 9 Maggio di Liberato. Lui scrive a loro che vuole pubblicare un suo video di una sua canzone a patto che tutto resti anonimo. La rivista accetta e pubblica una brevissima descrizione dell’artista “cantautore/rapper partenopeo”, con tanto di canale Tumblr. Si, anche questo ha lasciato un po’ perplessi: tra Instagram e Facebook, c’è ancora chi scrive su Tumblr. La cosa incuriosisce ancora di più.

Il concerto del 9 Maggio a Napoli

Liberato scrive poche parole ma efficaci con cui annuncia il suo primo concerto gratis a Napoli (rotonda Diaz) alle 20 e 30 di sera. Vi partecipano più di 20.000 di persone, tra cui anche giornalisti. Il palco è piccolo, ma sopra vi si presentano ben 6 uomini incappucciati. Tra di loro, il vero Liberato , si spera, saluta la sua gente e fa un mini concerto con tutte le sue canzoni più qualche omaggio al grande Pino Daniele. Il concerto poi si chiude prima delle 21 e 30 destando ancora più curiosità tra le persone.

Chi è l’uomo dietro Liberato? Strategia di marketing o semplice privacy? ultima modifica: 2018-05-11T09:50:38+00:00 da Katia Russo

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.