Mutui tasso fisso o variabile: rate mai così basse, ecco perché acquistare casa conviene

Rate basse mutui a tassi meno costosi, decisivo l’intervento della Bce. Fino a quando le banche potranno esporre finanziamenti con ottime condizioni?

Le prospettive sui mutui sono eccellenti, specie per chi sta pianificando l’acquisto di una casa o intende surrogare il finanziamento. La BCE ha garantito la liquidità appoggiando le linee di credito, mantenendo stabili i tassi di interessi alla soglia dei minimi storici. Di conseguenza, gli istituti di credito possono esporre ai clienti delle condizioni extra vantaggiose. Molto probabilmente, i tassi collocai ai mini storici resteranno tali fino alla fine dell’anno. Il che significa, che si potranno sottoscrivere mutui a tasso fisso o variabile con ottime condizioni.

Mutui: BCE appoggia le linee di credito immettendo liquidità

Il 30 aprile 2020 durante il Consiglio direttivo la Bce (Banca centrale europea) ha assicurato che i tassi di interesse non subiranno modifiche. La presidente, Christine Lagarde, ha spiegato che la banca centrale non intende apporre delle variazioni nel sistema bancario, garantendo il flusso di liquidità. Le banche potranno presentare ai clienti l’offerta di mutui a tassi ridotti.

Tuttavia, si tratta di una situazione che potrebbe subire delle modifiche, in quanto, la Corte costituzionale tedesca ha emanato una sentenza, nella quale ritiene del tutto fuori luogo, nonché illecito il supporto che la Bce sta fornendo attraverso l’acquisto dei titoli di Stato.

In sostanza, è stato ritenuto illegittimo l’aiuto sostenuto dalla Bce nell’immissioni di liquidità  somministrata ai Paesi che maggiormente soffrono la crisi economica, dovuta all’emergenza sanitaria da Covid-19. Inoltre, la Bce dovrà giustificare entro 3 mesi, il motivo di questo “sostegno”. Nello stesso tempo, la Corte costituzionale tedesca, ha invitato la Bce ad allinearsi al principio di proporzionalità.

L’indice dei tassi di interesse

L’Euribor, il tasso di riferimento a marzo ha raggiunti il minimo storico toccando quasi -0,50%, per poi attestarsi nel mese di aprile a -0,16%. Mentre, nell’ultima rilevazione del periodo di maggio si è collocato al -0,29%.

Per capire le condizioni vantaggiose dei mutui di oggi, basti considerare che nel periodo di luglio 2011 il tasso di interesse a tre mesi toccava l’1,60%.

Il dato rilevante è dato dall’indice Eurirs che dalla soglia del 3,4% nel 2011, a marzo 2020 si attesto all’-0,11%, per poi posizionarsi sull’-0,14% di aprile.

Per il momento, gli istituti di credito offrono mutui a tassi di interessi fissi o variabili extra vantaggiosi. Del resto, anche gli specialisti di Tecnocasa Group ritengono che si tratta di un ottimo periodo per acquistare casa, sfruttando mutui dalle rate bassissime, in virtù di tassi di interessi sottoscritti al minimo storico.

In sostanza, si tratta di un vantaggio diretto non solo a chi intende investire nel mattone e acquistare un’abitazione, ma anche per chi intenda esercitare una surroga sostituendo il finanziamento originario, con uno a condizioni migliori.

 

 


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein