Mutuo casa: tassi ai minimi storici, ma è bene confrontare le varie offerte

Oggi siamo in un buon periodo storico per accendere un mutuo per l’acquisto della casa, ma non sai quale scegliere? Ecco alcuni consigli per te

Oggi, ci troviamo in un periodo storico favorevole  per stipulare un mutuo, si proprio così, infatti i tassi hanno raggiunto i minimi storici. Ma bisogna stare attenti, perché il tasso basso non significa anche costi bassi per i mutui. Proprio per questo, la piattaforma Mutuionline, specializzata nei confronti tra i diversi tipi di mutui, consiglia di effettuare un confronto tra le diverse proposte dei vari istituti di credito. C’è la possibilità di risparmiare fino a 700 euro l’anno.

Il direttore Marketing di MutuiOnline, Roberto Anedda, ha dichiarato che non è detto avendo un costo basso del denaro si ha anche un costo basso per il mutuo. Infatti il costo e il tasso varia da banca a banca, ed è bene fare un confronto tra le varie offerte, perché a volte ci si può trovare anche una differenza di un punto percentuale tra i vari tassi. Anedda continua col dire che su un mutuo di 100 mila euro si rischia di pagare in più dai 600 ai 700 euro.

Mutuo casa: come sceglierlo

In questo periodo è bene stare attenti nella scelta dell’istituto di credito a cui affidarci per la richiesta di un mutuo, in quanto c’è in atto una sfida a chi sconta di più la rata. Alcune banche offrono il taglio della prima rata, altre la riduzione dello spread o un ridimensionamento del tasso.

In questi giorni si è verificato un aumento dello spread, che ha dato la possibilità, anche, agli istituti più piccoli di effettuare qualche manovra per mettersi in competizione.

Per poter confrontare l’offerta più conveniente, vi consigliamo di fare una simulazione sulla piattaforma MutuiOnline.it, che mette ogni giorno a disposizione una lista di mutui con i miglior tassi e condizioni.

Questa politica di sconti sicuramente va a favore di chi intende acquistare casa. Inoltre, c’è da dire che l’Eurirs, che è il parametro base su cui si definiscono i finanziamenti fissi, è ai minimi storici. Questa situazione, si precede che non cambierà nel breve tempo, poiché la Bce è preoccupata per il lento rilancio dell’economia, e inoltre ha confermato di avere come obiettivo ufficiale un’inflazione prossima al 2 per cento.

Mutui casa: tasso fisso e tasso variabile, ecco le migliori offerte di maggio 2019

Mutuo casa: Tasso fisso o tasso variabile

Oggi, vengono erogati mutui a tasso fisso per oltre l’80% delle richieste effettuate, grazie ai tassi così bassi. Ma, grazie agli indici Euribor bassi, che regolano le fluttuazioni dei tassi variabili, le richieste dei mutui a tasso variabile inizia a crescere. Qualunque sia la scelta tra tasso variabile o fisso, è sempre bene fare un confronto tra le varie offerte.

Un dato importante che va analizzato, quando si sceglie una tipologia di mutuo, è il Teag, cioè il Tasso annuo effettivo globale. Questo tasso indica il costo relativo agli interessi, quindi il Tan, Tasso annuo nominale, e quelli relativi a eventuali spese accessorie. Quando si è davanti ad un Teag basso significa che l’offerta è vantaggiosa. Il Teag è il dato che ti consente in via definitiva di scegliere l’offerta più conveniente sotto il profilo finanziario.

Mutuo casa: crescono i prestiti per prima casa, tassi di interesse ai minimi storici

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.