Nissan: Carlos Ghosn è fuggito in Libano

Carlos Ghosn, ex amministratore delegato e presidente della Renault Nissan, è fuggito in Libano dal Giappone, dove era in attesa di processo

Carlos Ghosn, ex amministratore delegato e presidente della Renault Nissan, è fuggito in Libano dal Giappone, dove era in attesa di processo dopo un arresto alla fine del 2018 con accuse di frode. Le modalità della fuga di Ghosn non sono chiare in quanto nelle sue condizioni di libertà su cauzione veniva controllato a vista e non gli veniva permesso di lasciare il paese. In una dichiarazione inviata martedì a Bloomberg, Ghosn ha dichiarato di essere fuggito dal Giappone a causa di quello che ha descritto come un sistema giudiziario truccato.

Carlos Ghosn, ex amministratore delegato e presidente della Renault Nissan, è fuggito in Libano dal Giappone, dove era in attesa di processo

“Ora sono in Libano e non sarò più tenuto in ostaggio da un sistema giudiziario giapponese truccato in cui si presume la colpa, la discriminazione dilaga e i diritti umani fondamentali sono negati”, ha detto. “Non sono fuggito dalla giustizia, sono sfuggito all’ingiustizia e alla persecuzione politica”. Ghosn è un cittadino del Libano e vi ha trascorso gran parte della sua infanzia. È importante sottolineare che il paese non ha alcun accordo di estradizione con il Giappone.

Un avvocato che rappresenta Ghosn, Junichiro Hironaka, ha riferito ai media giapponesi che i passaporti di Ghosn sono stati sequestrati, quindi è probabile che Ghosn sia entrato in Libano con un nome diverso, ha riferito Bloomberg. Le accuse in Giappone, che Ghosn nega totalmente, includono la dichiarazione errata delle entrate ai regolatori finanziari, il trasferimento delle perdite personali sui libri aziendali di Nissan e il trasferimento di fondi aziendali per uso personale.

In un video pubblicato ad aprile, Ghosn ha rivendicato la sua innocenza e ha descritto l’intero caso come una “cospirazione” contro di lui. Sono circolate voci secondo le quali i dirigenti di Nissan avrebbero provato ad ostacolare Ghosn che aveva proposto di fondere Renault e Nissan, il che avrebbe comportato la perdita di autonomia per la compagnia giapponese.

Ti potrebbe interessare: Richiamo auto Nissan: problema telecamera posteriore


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp