Nissan e Uber promuovono la mobilità a emissioni zero

Nissan e Uber hanno siglato un accordo per supportare l’introduzione di 2.000 LEAF completamente elettriche per i conducenti che utilizzano l’app Uber

Nissan e Uber hanno siglato un accordo per supportare l’introduzione di 2.000 LEAF completamente elettriche per i conducenti che utilizzano l’app Uber a Londra. La flotta di Nissan LEAF da 40kWh, che viene prodotta a Sunderland, sarà offerta ai conducenti come parte del Piano per l’aria pulita di Uber. Nissan fornirà a Uber un programma di educazione EV dedicato, un prezzo di transazione e un piano di marketing per favorire l’adozione dei veicoli a emissioni zero. Questo accordo contribuirà al perfezionamento del piano di Uber  che vuole che ogni sua vettura nella capitale inglese sia completamente elettrica dal 2025.

Nissan e Uber hanno siglato un accordo per l’introduzione di 2.000 LEAF elettriche tra i conducenti dell’App

Lanciato a gennaio 2019, il piano per l’aria pulita di Uber mira a contrastare l’inquinamento atmosferico aiutando i conducenti a passare a un veicolo elettrico attraverso l’introduzione di una tassa sull’aria pulita. Le risorse raccolte aiuteranno i conducenti con il costo dell’adozione un veicolo elettrico. Nel primo anno, Uber ha raccolto oltre 80 milioni di sterline per supportare i conducenti che passano ai veicoli elettrici, con un aumento di oltre 200 milioni di sterline nei prossimi anni.

Attraverso il Clean Air Plan, i conducenti risparmieranno in media £ 4.500, a seconda delle miglia percorse, dal costo del passaggio a un’auto elettrica. Una volta che un conducente ha adottato un veicolo completamente elettrico, la tariffa per l’aria pulita viene utilizzata per sostenere i costi di veicolo in corso. Nel primo anno del Piano per l’aria pulita di Uber, 900.000 viaggi Uber hanno avuto luogo su veicoli elettrici, con un aumento di oltre il 350% rispetto all’anno precedente. Oltre 500 conducenti ogni settimana utilizzano veicoli elettrici a emissioni zero.

Ti potrebbe interessare: Uber: i suoi veicoli autonomi coinvolti in 37 incidenti prima dell’impatto mortale in USA


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp