Non voglio lavorare più, quando andrò in pensione?

Se si decide di smettere di lavorare quando si percepirà il primo assegno pensionistico? Dipende dall’età.

In Italia non si può accedere alla pensione quando si vuole ma si devono rispettare determinati paletti anagrafi, contributivi o entrambi, a seconda dei casi. Questo, però, non vuol dire che una volta raggiunto il requisito contributivo non si possa smettere di lavorare in attesa che si compia quello anagrafico. Vediamo il caso.

Non voglio più lavorare: pensione

Una nostra lettrice ci scrive:

Buonasera, vorrei porre il seguente quesito :  sono nata nel 1967, ad oggi ho 34 anni di contributi nel privato.

Ho deciso di non lavorare più.Quando mi spetta percepire l’assegno pensionistico? E quale tipologia di calcolo è la più vantaggiosa ?

Grazie. Cordiali saluti.

Come detto in apertura dell’articolo in Italia non è possibile smettere di lavorare per accedere alla pensione in qualsiasi momento se non si è in possesso dei requisiti richiesti dalla misura previdenziale. Ma è possibile smettere di lavorare e attendere la data del pensionamento se si è raggiunto almeno il requisito contributivo. Cerchiamo di capire come.

La pensione di vecchiaia richiede almeno 20 anni di contribuzione versata per l’accesso. Chiunque, quindi, al raggiungimento dei 20 anni di contributi può decidere di smettere di lavorare con la certezza che al compimento dell’età anagrafica richiesta dalla misura potrà accedere al pensionamento di vecchiaia.

Nel suo caso specifico, avendo 53 anni e 34 anni di contributi non è possibile accedere ad alcuna prestazione nell’immediato ma se smettesse di lavorare al compimento dei 67 anni le spetterebbe la pensione di vecchiaia (avendo raggiunto abbondantemente i 20 anni di contributi richiesti per l’accesso).

Potrà, quindi, accedere alla pensione al compimento dei 67 anni (più eventuale aumento dell’età pensionabile per adeguamento all’aspettativa di vita Istat). 

Per quanto riguarda il calcolo della pensione generalmente è più conveniente quello con il sistema retributivo che però riguarda soltanto:

  • tutti i contributi versati entro il 31 dicembre 1995
  • nel caso si possedevano 18 anni di contributi al 1 gennaio 1996, tutti i contributi versati fino alla fine del 2011

Tutti gli altri contributi sono conteggiati con il sistema contributivo (a meno che non si opti per l’opzione contributiva e in quel caso tutti i contributi finiranno nel sistema contributivo).


Per essere sempre aggiornato, seguici su: Facebook - Twitter - Gnews - Telegram - Instagram - Pinterest - Youtube

Condividi questo articolo sui Social
TwitterFacebookLinkedInPin ItWhatsApp
Per una risposta dei nostri esperti scrivi a consulenze@notizieora.it
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito, rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Patrizia Del Pidio

Giornalista pubblicista, oltre ad essere proprietaria e autrice presso Notizieora.it, collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it. Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.