110 Scosse di terremoto in Toscana, 236 sfollati e domani scuole chiuse in Mugello, ecco cosa sta succedendo

-
09/12/2019

Continue scosse di terremoto in Toscana, sono oltre 110 scosse, la paura è tanta. Sono 236 gli sfollati e domani nel Mugello scuole chiuse.

110 Scosse di terremoto in Toscana, 236 sfollati e domani scuole chiuse in Mugello, ecco cosa sta succedendo

Continue scosse di terremoto in Toscana, sono oltre 110 scosse e l’intensità supera il magnitudo di 2ML. La paura, la preoccupazione cresce, 236 sono gli sfollati e domani nel Mugello scuole chiuse. La scossa più forte di magnitudo 4.5 è stata avvertita nella notte con epicentro Scarperia e San Piero. La scossa è stata avvertita per un lungo raggio, fino alla provincia di Lucca. L’Appennino trema e tremano i cittadini che sono per strada sotto la pioggia. Un grande impegno per i vigili del fuoco, la protezione civile e le forze dell’ordine. Le prime 27 scosse si sono avvertite nella mattinata: Terremoto a Firenze, al momento si contano 27 scosse, ecco cosa sta succedendo

Terremoto: scuole chiuse domani 10 dicembre

Come anche nella giornata di oggi le scuole domani 10 dicembre resteranno chiuse  nei comuni di Mugello e Val di Sieve; Marradi, Palazzuolo su Senio, Borgo San Lorenzo, Dicomano, Firenzuola, San Piero a Sieve, Vicchio e Vaglia.

Dagli accertamenti costanti della situazione, non risultano danni a persone, ma sono stati riportati gravi danni agli edifici; circa 236 persone sono state sfollati e non potranno far rientro nelle loro abitazioni, fino a quando non saranno effettuati le verifiche tecniche.

Posto letto per 236 sfollati

La protezione civile in accordo con le amministrazioni comunali di Scarperia – San Piero e Barberino, per ospitare gli sfollati, ha allestito  300 posti letto nella palestra distribuiti tra diverse strutture: la scuola media di Barberino di Mugello; i locali dell’Autodromo del Mugello a Scarperia e il parcheggio della Rifle.


Leggi anche: Pace fiscale 2021, il governo punta al decreto Sostegno: dalla proroga della rottamazione ter al saldo e stralcio, fino alla cancellazione dei debiti da 5mila euro