9 consigli per consumare meno plastica

-
01/09/2019

La plastica sta uccidendo non solo gli animali che popolano i nostri mari ma sta inquinando inevitabilmente tutto il pianeta. la plastica dura per sempre e non si smaltisce.

9 consigli per consumare meno plastica

Per tantissimi anni la plastica è stata considerata il materiale futuristico, una sostanza che poteva farci risparmiare e durare a lungo, che poteva essere non solo utile, ma anche igienico e resistente senza prendere in considerazione i rischi che  rappresentava per il nostro ecosistema. Il problema della plastica, infatti, non va ricercato nel suo utilizzo, ma nel suo smaltimento: nello smaltimento, infatti, rappresenta la prima minaccia per la natura.

Ogni anno 8 tonnellate di plastica finiscono negli oceani di tutto il mondo non solo inquinandoli ma uccidendo anche gli animali che li popolano.

La plastica, infatti, come abbiamo anticipato nell’anteprima è resistente: non si distrugge mai. La sua resistenza al tempo e all’usura è la sua arma principale per danneggiare il nostro pianeta.

9 cosigli per diminuire l’uso della plastica

1)Scegli stoviglie riutilizzabili: i piatti e i bicchieri di plastica sono una grandissima comodità ma, oltre alla spesa mensile che diventa anche importante, inquinano il nostro pianete. Coi soldi risparmiati dall’acquisto di piatti e bicchieri di carta nel giro di meno di un anno si può acquistare una lavastoviglie per lavare piatti e bicchieri in materiale riutilizzabile.

2)Utilizza una borsa in tela per la spesa: i sacchetti di plastica, che adesso anche anche un costo nei supermercati, possono essere riutilizzati al massimo per gettare l’umido nella raccolta differenziata (a patto che siano biodegradabili). Una busta in tela, che costa poco meno di 2 euro si ammortizza in meno di 10 volte che si fa la spesa, dura anni, non inquina e, sicuramente, è più resistente e capiente di un sacchetto in plastica.


Leggi anche: Bonus collaboratori sportivi 2021, pagamenti e indennità in arrivo: cos’è e come funziona

3)Acquista alimenti sfusi: a parte il fatto che gli alimenti sfusi costano decisamente meno, si evita di pagare l’imballaggio in plastica e soprattutto si ha la possibilità di scegliere la frutta e la verdura che si desidera piuttosto che prendere quella che altri hanno scelto per te.

4)Utilizza un thermos per l’acqua: le bottiglie di plastica inquinano e hanno un costo. Se quando si esce si decide di portare con se un thermos di acqua i vantaggi sono molteplici: l’acqua del rubinetto costa decisamente meno di quella in bottiglia, si può decidere di mettere dei ghiacci nel termos e l’acqua sarà fresca più a lungo.

5)Utilizza rasoi in acciaio: la spesa iniziale è sicuramente più alta ma la durata nel tempo fa ammortizzare la spesa sostenuta in pochi mesi.

6)Invece di conservare gli avanzi di cibo nelle ciotole di plastica con coperchio puoi decidere di conservarli in barattolo di vetro: il vetro non assorbe odori e sapori e non inquina, ma soprattutto è facilmente reperibile in casa (chi non ha barattoli di marmellata o sott’olio vuoti?).

7)Shampoo e bagnoschiuma, per ridurre l’impatto ambientale, possono essere scelti solidi ma anche “sfusi”: ci sono molti negozi che permettono di riempire le proprie bottiglie facendo pagare il prodotto al litro.

8)Evitare gli indumenti in fibra sintetica

9)Condividere tutti questi consigli con più gente possibile per fare in modo che l’utilizzo della plastica sia drasticamente ridotto.