A 17 anni di età ottiene di morire per eutanasia: il caso della giovane Noa

Una giovane diciassette olandese ottiene la morte clinicamente assistita a causa della depressione insorta, fin da bambina, dopo uno stupro.

Noa Pothoven, una ragazza di 17 anni, ha chiesto e ottenuto di morire per eutanasia nei Paesi Bassi dopo una lunghissima ed estenuante battaglia legale. Noa da bambina era stata vittima di stupro e , dopo anni di sofferenze psichiche, depressione e anoressia è morta, la scorsa domenica, in casa propria grazie all’assistenza medica che una clinica specializzata le ha fornito.

La scelta di Noa

Erano anni ormai che la giovane combatteva contro la propria depressione e non riusciva più a vivere con essa. La violenza subita da bambina le aveva provocato anche stress post traumatico che l’aveva portata all’anoressia, come riferiscono i media olandesi. L’ultimo post su Instagram di Noa chiede ai suoi follower di non cercare di convincerla a cambiare idea poichè “amore è lasciare andare, in questo caso”.

In Olanda l’eutanasia può essere accordata a partire da 12 anni di età se presente una certificazione medica che accerti la sofferenza insopportabile di chi la richiede e che non vi siano cure per farvi fronte. Noa il suo disagio lo aveva manifestato molte volte, anche scrivendo un’autobiografia “Vincere o imparare” che aveva lo scopo di descrivere i suoi sforzi per superare la depressione per aiutare i giovani più fragili e vulnerabili a lottare e a non arrendersi.

Anche successivamente la giovane aveva manifestato la sua voglia di farla finita, a dimostrazione che quella attuale non è stata una scelta impulsiva ma meditata a lungo.

Marco Cappato, leader dell’associazione Coscioni precisa che “non esiste alcuna fonte che ci dica che lo Stato olandese abbia concesso l’eutanasia alla giovane Noa. Esistono invece due fatti accertati: fonti giornalistiche che riportano la decisione dell’Aja, che aveva rifiutato l’eutanasia chiesta dalla giovane, indicando 5 anni di trattamento prima di decidere. E il fatto che la ragazza avesse smesso di bere e di mangiare. Una decisione legale anche in Italia”.

Per approfondire leggi anche: Eutanasia elegante e pacifica con Sarco, stampabile anche in 3D: vediamo di cosa si tratta

Patrizia Del Pidio

Sono attualmente direttrice responsabile della testata online Investireoggi.it e collaboro da anni con la testata Orizzontescuola.it.Scrivere è da sempre la mia passione e farlo come professione è stata la realizzazione di un sogno. Esperta di fiscalità e pensioni mi piace rispondere ai quesiti che i miei lettori quotidianamente mi inviano per fare in modo che, nel mio piccolo, la burocrazia possa essere più facile e alla portata di tutti.