Alcolock, depositata la proposta di legge per installarlo sulle auto

-
10/09/2020

Il Cnel ha depositato la proposta di legge per installare l’alcolock sulle auto di chi è stato condannato per guida in stato di ebrezza

Alcolock, depositata la proposta di legge per installarlo sulle auto

È stata depositata la posposta di legge per installare il dispositivo dell’alcolock sulle auto di coloro che sono stati condannati per guida in stato di ebrezza. Il disegno di legge avanzato dal Cnel costituirebbe un importante passo avanti per porre un freno agli ubriachi al volante. 

Alcolock, la proposta di legge

Il disegno di legge che riguarda l’alcolock reca come titolo “Modifiche agli articoli 125 e 186 del codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni, concernenti un dispositivo di blocco da installare sui veicoli in uso ai soggetti condannati per guida in stato di ebbrezza”. 

La proposta è stata depositata dal Cnel (Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro), previa approvazione dell’Assemblea e si appresta ad approdare alle Camere. L’obiettivo sarebbe quello di predisporre che chiunque risulti condannato per guida in stato di ebrezza installi, a sue spese, l’alcolock sulla propria auto. Si tratta di un dispositivo di prevenzione degli incidenti stradali legati all’abuso di alcolici che ha dato riscontri particolarmente positivi in altri Paesi europei. Ad esempio in Francia, Polonia, Danimarca e Belgio. 

Come funziona

L’alcolock un sistema in grado di misurare il tasso alcolemico del guidatore. Appena ci si siede alla guida è necessario soffiare all’interno dell’apparecchio e questo, proprio come un vero e proprio alcol test, misura il livello di alcol confrontandolo con il limite consentito dalla legge di 0,5g/l. Qualora il tasso alcolemico del guidatore risultasse superiore, l’alcolock blocca automaticamente il veicolo, impedendone l’accensione del motore.

In base ai dati forniti dall’Istat si stima che la percentuale di incidenti causati dalla guida in stato di ebrezza sia aumentata notevolmente negli ultimi anni. È passata, infatti, da 1,2 ogni 100 incidenti (2001) a 3,9 (2018). L’Unione Europea, inoltre, ha deciso che a partire dal 2022 il sistema dovrà essere obbligatoriamente installato su tutte le nuove auto. 


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps