Allarme batterio Listeria in mortadella con pistacchio, ritiro immediato dal commercio

-
06/10/2018

Ritiro immediato di mortadella con pistacchio prodotta in Italia, con batterio Listeria, ritiro immediato dal commercio, ecco marca e lotto.

Allarme batterio Listeria in mortadella con pistacchio, ritiro immediato dal commercio

Mortadella con pistacchio ritirata con urgenza dal commercio, dopo un accurato controllo è stato scoperto che il prodotto alimentare presenza una contaminazione pericolosa con il batterio Listeria.

Mortadella con pistacchio, rischio grave per la salute umana

Si tratta di un tipo di mortadella con pistacchio, proveniente dall’Italia, che viene commercializzata sui mercati alimentari europei è stata ritirata dal commercio. Il prodotto alimentare è stato segnalato al RASFF dalla Francia, questo tipo di salume presenta una forte contaminazione molto pericolosa per la salute umana. La presenza del batterio Listeria monocytogenes, crea seri e pericolosi disturbi gastrointestinali, ma per i soggetti a rischio questa contaminazione potrebbe indurre la meningite.

Mortadella con pistacchio rischio listeriaSi tratta del salume con il lotto numero 2018.2795 del 05.10.2018, con la data di campionamento 24.09.2018.

È stata attivata un’inchiesta, ancora non si conosce con esattezza le informazioni sulla distribuzione del prodotto alimentare contaminato. Una cosa è certa invece, la contaminazione alimentare da Listeria monocytogenes produce la listeriosi. Questa malattia si è rivelata ad essere molto pericolosa, soprattutto per le persone immunodepresse, per chi è affetto da un tumore, oppure soffre di diabete o Aids. La malattia mette in grave pericolo anche le donne incinte, le persone anziane e soprattutto i neonati.

Ancora non si ha la certezza che la mortadella con pistacchio è stata venduta anche nel nostro Paese. Giovanni D’Agata, il presidente dello ‘’Sportello dei diritti’’ fa presente che la segnalazione partita dal Ministero della Salute francese non riporta questa segnalazione anche per quanto riguarda l’Italia.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Sorge il dubbio di una eventuale contaminazione alimentare anche in Italia, considerando che l’allerta è stata attivata per tutti i Paese europei.